Passa ai contenuti principali

Consigli di lettura: Puntino


Questo libro mi è capitato tra le mani poco prima di Natale quando ero in cerca di libri da regalare all'Ometto.

Mi è capitato tra le mani, dicevo, e mi ha rapito e conquistato. Innanzitutto da un punto di vista grafico: un piccolo puntino nero in un angolo di una grande pagina bianca.

Chi sarà? Cosa farà?  Come potrà una storia reggersi su un puntino?



Queste domande e la mia curiosità mi hanno fatto andare avanti nella lettura.

E ho scoperto che il puntino era una rappresentazione grafica per rappresentare l'uomo e tanti puntini rappresentano una popolazione.

Ai puntini non mancava niente avevano cibo, infrastrutture, divertimenti.

Poi ecco comparire un altero puntino, bianco. E con lui tanti altri puntini, che però non vivevano bene, erano senza case, senza cose da mangiare, senza divertimenti.



Il libro, con poche parole e tanti puntini, di grande impatto visivo, racconta di migrazioni, accoglienza, di solidarietà, di integrazione.


Ho cominciato a leggerlo subito, in libreria e non mi sono più fermata. E' uno di quei libri "sovversivi" come lo è Piccolo Blu e piccolo Giallo. Un libro che ribalta i luoghi comuni e gli stereotipi: i puntini neri sono quelli che aiutano i bianchi, che insegnano loro delle cose e non  il contrario.

Bellissima anche la frase in quarta di copertina.

I puntini ci insegnano che un mondo migliore è possibile.
Un libro per tutti i bambini, anche quelli adulti

Sarà che ho un figlio sovversivo, ma anche a lui è piaciuto molto. Non ho fatto in tempo a chiedergli se potevo leggerglielo io che già lo aveva preso e letto lui e per molte sere è diventato la sua lettura della buonanotte.


Puntino

di Giancarlo MacrìCarolina Zanotti ed. NuiNui




Età di lettura: dai 3 anni.

Commenti

  1. Ora dirò una frase fatta... Ma a volte è proprio vero; bisognerebbe guardare il mondo con gli occhi dei bambini... Tutto sarebbe migliore!!
    Mi hai proprio incuriosito... non ho figli, ma credo che lo cercherò per me!!

    un abbraccio
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bambini guardano le cose da un'altra prospettiva!

      Elimina
  2. sarà che sono sovversiva quando basta, sarà che ho finalmente ritrovato il mio spirito bambino (mah ...forse e fortunatamente son riuscita a non perderlo mai), sarà che continuo a cercare si seminare puntini ovunque ma .... che bella storia!!! mi hai incuriosito un sacco....
    brava Barbara.... ti abbraccio e.... chissà inizi presto il mondo migliore....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seminiamo puntini tutti quanti e poi vediamo cosa succede...sono fiduciosa!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party