Passa ai contenuti principali

Il Brutto Anatroccolo

I libri per bambini sono fantastici: poche parole, storie stupende, concetti profondi spiegati con semplicità.

Hans Christian Andersen è stato un maestro in questo.



Hans Christian Andersen nacque il 2 aprile 1805 a Odense, nell'isola danese di Fionia,in Danimarca.

Figlio di un ciabattino e di una lavandaia, il padre morì quando lo scrittore era ancora piccolo, lasciando la famiglia in assoluta miseria.

Nel 1819 il quattordicenne Andersen si recò da solo a Copenaghen, in cerca di fortuna. Qui, dopo vani tentativi per affermarsi nell'ambiente teatrale come ballerino o cantante, trovò infine alcuni protettori che gli fecero avere una borsa di studio, consentendogli di riprendere così gli studi interrotti e di laurerarsi.

Molte delle sue favole hanno una base autobiografica o traggono spunto da leggende popolari.

Oggi voglio parlarvi di una tra le più famose favole di Andersen, Il Brutto Anatroccolo.


Una fiaba che parla di diversità, di emarginazione, di solitudine, di rinascita.

Un anatroccolo diverso dagli altri che è costretto ad abbandonare il cortile della fattoria dove era nato perchè deriso e maltrattato.


Fuori dalla fattoria, però c'è il Mondo che lo aspetta e l'Inverno che fa capolino.


E poi arriva la primavera e con essa la rinascita...


... da piccolo cucciolo covato da una mamma che non è della sua specie (e per questo deriso dagli altri) a giovane cigno bianco riconosciuto dalla sua comunità di appartenenza.




Con questo post partecipo al tema di Gennaio di Ispirazioni & Co. MUTAZIONI.






Commenti

  1. Una favola a lieto fine, mi è sempre piaciuta. Brava Barbara per avercela riproposta.

    RispondiElimina
  2. Una favola bellissima. Il tema ci sta dentro a pennello!

    RispondiElimina
  3. Rileggendo questa fiaba troviamo una grande verità; ci trasformiamo quando affrontiamo il cammino di accettazione di noi stessi e troviamo la nostra identità contro ogni rifiuto.
    Grazie per avermela ricordata. Ciao cara

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…