Passa ai contenuti principali

Un cuscino di lana riciclando un maglione


Come al solito, quando mi viene la voglia di cucire e di rielaborare spesso mi prende l'ansia di finire il lavoro finito e mi scordo di fare le fotografie.

Anche questa volta è successo così. Qualche giorno fa mi è tornato fra le mani un vecchissimo maglione di lana. E quando dico vecchissimo mi riferisco a più di venti anni fa. Insomma era praticamente immettibile, ma io lo stavo conservando perché mi dispiaceva troppo buttarlo e perché, a dirla tutta, neanche mi ricordavo più di averlo messo nell'armadio.

L' ho preso, lo steso sul divano e ho cominciato a pensare a come poterlo riutilizzare. Scartata subito l'opzione di poterlo mettere per uscire, o anche solo per stare per casa, sono andata in rete a cercare qualche idea.



Sono rimasta affascinata dall'arredamento nordico e dai cuscini di lana.

Ecco l'idea che mi serviva! Anche io volevo avere il mio cuscino di lana! Qualche cosa che possa riscaldare e arredare queste fredde serate di gennaio.

Così ho preso la mia scatola degli aghi, il maglione e mi sono messa a lavorare (senza pensare di fotografare i passaggi del lavoro!).

Avevo già l'imbottitura per il cuscino, così ho preso le misure della grandezza del mio cuscino partendo dalla dimensione della fodera dell'imbottitura.

Ho messo gli spilli tutt'intorno al maglione e poi... ho tagliato, direte voi. Sbagliato! Per evitare che che il maglione cominci a sfilacciare e a disfarsi bisogna prima cucire e poi tagliare. Certo questo è sicuramente valido se un maglione è fatto a mano, ma anche con quelli non artigianali non è poi tanto diverso.

Ho quindi cucito tre lati del cuscino e ho lasciato un lato aperto per inserire l'imbottitura. Solo a questo punto ho tagliato il cuscino, svoltato il lavoro e riempito con il cuscino imbottito. Con il punto nascosto ho poi cucito il quarto lato del cuscino.

Ora manca una tisana calda e un bel film e le mie serate al calduccio sono assicurate!

Con questo post partecipo a



http://www.kreattivablog.com/2016/01/come-riciclare-dei-pullover-e-dei-maglioni.html

Commenti

  1. Bella idea. Ora vado ad aprire il mio armadio e sai quanti cuscini faccio.... Non saranno belli come il tuo.. pero!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo riciclo! ^_^ In effetti era un peccato buttare questo maglione, anche se vecchio! Grazie per l'idea.
    Buona giornata,
    Vale

    RispondiElimina
  3. oh che bello.... un bel cuscino morbidoso per l'inverno :)

    RispondiElimina
  4. Con questo freddo è un'ottima idea.
    Brava, instancabile Barbara!

    RispondiElimina
  5. Ottimo lavoro!!!!
    Come ho scritto un momento fa a Palmaluda... servono fantasia e voglia di fare.
    Voi ne avete a quintalate!!!!

    RispondiElimina
  6. Che figaaataaa!... Anche io voglio il cuscino di lana!... Voi filocreative (ed includo cucito, ricami e cricchetti vari) siete la mia rovina!!! Sto pensando di prendere gli aghi in mano pure io... Mmmmmmmhhhhh... E se invece mi comprassi una macchina da cucire... Troppo impegnativo per una che non sa attaccare manco un bottone?... :))))... Rosyyyyyy, vieni a vivere da me, dai! così altre all'autostima mi fai un corso acelerato di cucito *_*

    Comunque ho una richiesta (seria) per te e la Giusy e le altre filocreative, appena ho un attimo vi scrivo in collettivo ;)) ... Mi necessita il vostro aiuto •_¥ <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regina io vorrei il divano pieno di cuscini di lana...al prossimo cambio degli armadi farò una strage di maglioni ;). La macchina da cucire non è difficile da usare, molto più difficile attaccare i bottoni!!! Aspetto la tua mail <3<3<3

      Elimina
  7. anche io faccio spesso così... sia ricicli simili sia che mi dimentico di fotografare... mai avuta la passione per i social quindi credo sia normale, per me, ora col blog sto iniziando a farne un pò di più ... qui direi che è bellissimo il risultato finale e ottimo il tutorial !! quindi.... che vogliamo di più???
    un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per