Passa ai contenuti principali

Un cuscino di lana riciclando un maglione


Come al solito, quando mi viene la voglia di cucire e di rielaborare spesso mi prende l'ansia di finire il lavoro finito e mi scordo di fare le fotografie.

Anche questa volta è successo così. Qualche giorno fa mi è tornato fra le mani un vecchissimo maglione di lana. E quando dico vecchissimo mi riferisco a più di venti anni fa. Insomma era praticamente immettibile, ma io lo stavo conservando perché mi dispiaceva troppo buttarlo e perché, a dirla tutta, neanche mi ricordavo più di averlo messo nell'armadio.

L' ho preso, lo steso sul divano e ho cominciato a pensare a come poterlo riutilizzare. Scartata subito l'opzione di poterlo mettere per uscire, o anche solo per stare per casa, sono andata in rete a cercare qualche idea.



Sono rimasta affascinata dall'arredamento nordico e dai cuscini di lana.

Ecco l'idea che mi serviva! Anche io volevo avere il mio cuscino di lana! Qualche cosa che possa riscaldare e arredare queste fredde serate di gennaio.

Così ho preso la mia scatola degli aghi, il maglione e mi sono messa a lavorare (senza pensare di fotografare i passaggi del lavoro!).

Avevo già l'imbottitura per il cuscino, così ho preso le misure della grandezza del mio cuscino partendo dalla dimensione della fodera dell'imbottitura.

Ho messo gli spilli tutt'intorno al maglione e poi... ho tagliato, direte voi. Sbagliato! Per evitare che che il maglione cominci a sfilacciare e a disfarsi bisogna prima cucire e poi tagliare. Certo questo è sicuramente valido se un maglione è fatto a mano, ma anche con quelli non artigianali non è poi tanto diverso.

Ho quindi cucito tre lati del cuscino e ho lasciato un lato aperto per inserire l'imbottitura. Solo a questo punto ho tagliato il cuscino, svoltato il lavoro e riempito con il cuscino imbottito. Con il punto nascosto ho poi cucito il quarto lato del cuscino.

Ora manca una tisana calda e un belò film e le mie serate al calduccio sono assicurate!

Con questo post partecipo a



http://www.kreattivablog.com/2016/01/come-riciclare-dei-pullover-e-dei-maglioni.html

Commenti

  1. Bella idea. Ora vado ad aprire il mio armadio e sai quanti cuscini faccio.... Non saranno belli come il tuo.. pero!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo riciclo! ^_^ In effetti era un peccato buttare questo maglione, anche se vecchio! Grazie per l'idea.
    Buona giornata,
    Vale

    RispondiElimina
  3. oh che bello.... un bel cuscino morbidoso per l'inverno :)

    RispondiElimina
  4. Con questo freddo è un'ottima idea.
    Brava, instancabile Barbara!

    RispondiElimina
  5. Ottimo lavoro!!!!
    Come ho scritto un momento fa a Palmaluda... servono fantasia e voglia di fare.
    Voi ne avete a quintalate!!!!

    RispondiElimina
  6. Che figaaataaa!... Anche io voglio il cuscino di lana!... Voi filocreative (ed includo cucito, ricami e cricchetti vari) siete la mia rovina!!! Sto pensando di prendere gli aghi in mano pure io... Mmmmmmmhhhhh... E se invece mi comprassi una macchina da cucire... Troppo impegnativo per una che non sa attaccare manco un bottone?... :))))... Rosyyyyyy, vieni a vivere da me, dai! così altre all'autostima mi fai un corso acelerato di cucito *_*

    Comunque ho una richiesta (seria) per te e la Giusy e le altre filocreative, appena ho un attimo vi scrivo in collettivo ;)) ... Mi necessita il vostro aiuto •_¥ <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regina io vorrei il divano pieno di cuscini di lana...al prossimo cambio degli armadi farò una strage di maglioni ;). La macchina da cucire non è difficile da usare, molto più difficile attaccare i bottoni!!! Aspetto la tua mail <3<3<3

      Elimina
  7. anche io faccio spesso così... sia ricicli simili sia che mi dimentico di fotografare... mai avuta la passione per i social quindi credo sia normale, per me, ora col blog sto iniziando a farne un pò di più ... qui direi che è bellissimo il risultato finale e ottimo il tutorial !! quindi.... che vogliamo di più???
    un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…