Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 6: il mandala

 
Ormai non riesco più a resistere alla tentazione di giocare con Patricia e a mettermi  in gioco e finire il suo incipit. Questo mese, poi, è particolare perché il gioco si allarga. Federica, Fabiola, Rosalba questo mese abbiamo lavorato in squadra con Patricia.

Mi spiego meglio. Abbiamo unito, per una volta, le nostre iniziative (Ispirazioni&Co. e Insieme Raccontiamo) ed è stato facile e stimolante: Patricia è ha scritto il suo incipit per la rubrica Insieme Raccontiamo pensando ai Mandala.

Le regole sono sempre le stesse:
  • un finale di 200/300 parole oppure 200/300 battute
  • si possono aggiungere musiche, filmati, foto
 Questo l'incipit di Patricia
IL MANDALA
 
Il corpo nudo della donna disteso sul fianco aveva un che di virginale. Una tela intonsa pareva. Invitava a... ma come l'avrebbe presa lui? Offendersi? Adirarsi?
Prese il suo pennello più fine e le si avvicinò. Con dolcezza cominciò dal centro della schiena. Un mandala. Avrebbe disegnato un mandala...
 
 
Questo il mio finale.
 
Tutto era già nella sua testa. Tutto doveva essere perfetto. E ci riuscì. Era ormai sera quando finì. Giusto in tempo. Lei lo ringraziò e si vestì con l'abito da sera nero, con una profonda scollatura sulla schiena per incorniciare quel capolavoro. Salutò e usci: Lui la stava aspettando in macchina.
 
Con enorme  fatica ma con grande soddisfazione ecco 300 caratteri tondi tondi.
 

Commenti

  1. Bellissimo Barbara!
    E' un piacere averti come partecipante al giochetto. Offri un notevole apporto. E'stato anche un piacere aver collaborato con voi.
    Chissà che non possa ripetersi l'esperienza!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia! Ci sto proprio prendendo gusto!

      Elimina
  2. Moooolto carino il tuo finale :-)
    Ho immaginato anche l'abito da sera ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se abbiamo immaginato lo stesso abito!

      Elimina
  3. Bellooo questo finale! Brava comare ❤

    RispondiElimina
  4. WOW!!! Magari un abito e una decorazione del genere!!!
    Brava Barby, ottima idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è tanto trovare l'abito il problema, quanto qualcuno che dipinga la schiena!

      Elimina
  5. Lo trovo splendido ed essenziale, non sei caduta nel banale. Hai dato un bel finale, davvero fine. Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosalba. E' stata una scrittura molto travagliata...non riuscivo a stare dentro né alle 300 battute, né alle 300 parole.

      Elimina
  6. Molto bello Barbara mi è piaciuto molto il tuo finale ... una conclusione bellissima ed originale ... brava ... complimenti

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.