Passa ai contenuti principali

Di Silent Book e di viaggi: Aaron Becker - VIAGGIO


"Basta aprire questo libro per vivere il migliore dei viaggi possibili, in un sofisticato gioco di colori, dentro intricati paesaggi fantastici, pervasi da un elettrizzante senso di avventura. 
Senza bisogno di una sola parola."

Questo recita la quarta di copertina ed è vero. Le immagini, bellissime, diventano parole.

La storia è bellissima e tutta da interpretare. Il fatto che non ci siano parole a guidare il lettore, ma solo immagini, fa sì che la narrazione cambi a seconda di chi si metta a leggere e a raccontare a parole. Quello che per me quarantenne può essere un dettaglio trascurabile, per l'Ometto settenne diventi il fulcro del racconto.

Lui ed io abbiamo letto, discusso e interpretato questo libro insieme nel nostro strampalato circolo letterario dove convivono storie di roditori avventurieri ed eroine di romanzi sud americani. A me è sempre piaciuto raccontare i libri che leggo e faccio fare lo stesso a lui per essere certa che stia leggendo e che non mi stia imbrogliando (ma questo è bene che non lo sappia).

Tornando al libro, e alla storia che viene raccontata, questo è un libro di VIAGGIO.

E' la storia di una bambina sola, che non sa con chi giocare perchè i grandi non hanno tempo per giocare con lei.

La bambina, allora, prende il suo lapis rosso e comincia a viaggiare con la fantasia.

Una posta disegnata sul muro diventa vera. La apre, la attraversa ed entra in un mondo fantastico.


 Quando la bambina ha bisogno di qualche cosa le basta disegnarlo.

Una barchetta rossa.



Una mongolfiera.


Un tappeto volante.


Con la fantasia si può fare tutto.

Si può entrare in un enorme castello e si può volare tra le nuvole.

Il finale non ve lo racconto perché vale veramente la pena leggere e lasciarsi trasportare da questo libro e dalla sua protagonista.

Con questo post partecipo a


Commenti

  1. Magnifica lettura da fare coi bambini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato sopra con calma.
      Ho scritto lettura perchè si possono leggere anche le figure, facendo lavorare la fantasia del bambino e poi confrontandola con quella dell'autore.
      Si potrebbe anche prendere un quaderno e copiare l'idea. Far fare un silent book al bambino

      Elimina
    2. Patricia hai ragione, è una vera e propria lettura. A scuola di mio figlio i bambini avevano reitepretato un bellissimo silent "L'Onda" facendo loro stessi i disegni

      Elimina
  2. Sai che non ho mai avuto il coraggio di comprare un silent book? Non so , tu cosa consigli? Come si affronta un libro senza parole? Come lo presenti al tuo piccolo?

    RispondiElimina
  3. Neanche io in verità. Fede ha scoperto i silent all'asilo grazie alla sua maestra. Questo qui però è facile da interpretare. La storia è ben traccia. C'è un filo conduttore chiaro che è il lapis rosso. Apri il libro e comincia a raccontare "C'era una volta una bambina..." Non essendoci parole da seguire ma solo immagini, la fantasia e l'interpretazione volano...

    RispondiElimina
  4. che forte! non li ho mai visti... ma mi hai invogliato e poi i disegni di questo sono davvero stupendi... mi piace l'idea, stimolante per loro...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ma che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaa. Io manco sapevo cosa fossero questi "silent book".
    Bello, bello, bello.
    Devo indagare e, soprattutto, comprare.
    Grazie Barbara!!!!

    RispondiElimina
  6. Che splendidi disegni e la possibilità di interpretarli e creare una storia "personalizzata" è il più bel viaggio con la fantasia che si possa fare. Mi fai venire voglia di tornare bambina :)
    E non escludo di comprarlo per me :D ;)
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò... vale la pena anche leggerlo da grandi!

      Elimina
  7. Mi hai fatto venire in mente uno dei pochissimi libri che ho letto, Hugo Cabret e ricordo che mi era piaciuto proprio per la gran quantità delle immagini...allora è questo il mio genere: il silent book.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.