Passa ai contenuti principali

Handmade Father Day: biglietto di auguri origami

Il web comincia a riempirsi di foto e di post sulla festa del papà. La squadra di The Creative Factory non poteva, di certo, rimanere fuori dal giro! Bella sfida, tra lì'altro, considerato il fatto che i lavoretti per la festa del papà sono declinati tutti (o quasi) in ottica bambini.

Insomma, ho cominciato a spremere le meningi in cerca di una idea carina, poco pasticciata, che potesse andare bene sia da proporre a un pubblico di nanerottoli, ma che fosse anche spendibile pèer chi nanerottolo non lo è più.

E così mi sono rifugiata nella tecnica dell'origami: con la carta si va sempre sul sicuro.

Per il progetto ho pensato di realizzare un biglietto di auguri un po' particolare.
Il bliglietto che utilizzerò quest'anno per la festa del papà sarà a forma di ... camicia!

E' a maniche corte che tanto ci stiamo avvicinando alla bella stagione e fra un po' è primavera!

Curiosi di sapere come ho fatto? 

Tranquilli ho scattato un bel po' di foto mentre lo realizzavo.

Intanto che vi spiego come ho fatto, voi munitevi di un foglio di carta A4.


Prendete i lati lunghi del foglio e piegateli verso l'interno.


Così.


Girate il foglio e piegate uno dei lati corti di un paio di centimetri (sarà la misura del colletto della camicia).


Girate di nuovo il foglio, piegate gli angoli verso l'interno e il colletto della camicia sarà pronto.


Ora avrete una lunga striscia di carta con un colletto: tocca pensare a fare la camicia. 
Piegate il foglio in due parti. La seconda piegatura sarà la lunghezza effettiva della camicia.


Ora attenti che il passaggio per realizzare le maniche è delicato. Vedete dove ho messo la freccia? Ebbene, prendete i lembi e tirate verso l'esterno (naturalmente tutti e due i lembi).


Piegate di nuovo e la camicia - biglietto è pronta! che dite vi piace?


Io, come al solito, vi invito ad andare a trovare le mia amiche di avventura, troverete anche da loro super progetti e super tutorial!


LINK B:

Commenti

  1. Mi piace molto e grazie per le foto: la realizzazione è chiarissima.
    Un bacio
    Licia

    RispondiElimina
  2. Ultimamente questa tecnica mi piace tantissimo, il tutorial è molto chiaro , vorrei provare!!! Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova e poi fammi sapere (e vedere) il risultato ;)

      Elimina
  3. Un biglietto veramente carino e facile sembra. Da provare sicuramente
    Grazie per il tutorial.
    Un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  4. Grazie per il tutorial! Chiarissimo, da provare anche in occasione di altre feste ;) Un bacio
    Sy

    RispondiElimina
  5. Carino il biglietto e complimenti per il tutorial dettagliatissimo!!!
    Baci
    Silvia

    RispondiElimina
  6. Che idea bella e semplice, perfetta da realizzare insieme ai bambini, con il tuo tutorial poi è ancora più facile. Grazie mille

    RispondiElimina
  7. Ciao Barbara, adoro gli origami .... E questa bella idea per il biglietto per la festa del papà ! Bacio

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia, è un'idea davvero originale!!

    RispondiElimina
  9. Simpatico e d'effetto!
    Proverò a farlo fare a mio figlio!

    RispondiElimina
  10. Molto carino! Gli origami mi hanno sempre affascinato!

    RispondiElimina
  11. Ma che grazioso questo bigliettino! io adoro la carta quindi non posso che apprezzare tantissimo il tuo progetto!

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutte per i complimenti...così mi monto la testa, però!

    RispondiElimina
  13. Un bigliettino veramente simpatico e perfetto per la festa del papà! Grazie del tutorial chiarissimo!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao Barbara. ^_^ La tecnica degli origami è molto elegante e ha il suo fascino, a me piace molto. La tua camicia ben stirata è venuta proprio bene, complimenti :)
    Buona serata :*

    RispondiElimina
  15. Con quel bellissimo azzurro e le maniche corte evoca veramente la primavera! Grazie per il tutorial, che per quelle come me, è un mondo scoosciuto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.