Passa ai contenuti principali

Ispirazioni&Co. - Viaggi: viaggio dentro una scatola di biscotti


Per il "martedì delle Comari" ho pensatoi di fare un bel viaggio nel tempo, di tornare bambina e di perdermi nei racconti della mia mamma.

Quando ero piccola non consideravo importate sedermi a tavola e mangiare. Questa cosa la consideravo un inutile perdita di tempo. In parole povere: facevo dannare chiunque mi volesse fare mangiare e questo per tutti i pasti della giornata a cominciare dalla colazione.



Ve lo ricordate anche voi che quando eravamo piccoli i biscotti li vendevano sfusi al panificio? Ebbene quei biscotti poi dovevano essere conservati per bene in una scatola di latta per evitare che si ammollassero.

Quella che vedete qua sopra è la scatola dei biscotti di casa mia.

Dicevamo che io mangiavo poco... già però le mamme sono furbe e la mia aveva capito che raccontando storie io aprivo la bocca praticamente senza accorgermene e mangiavo.


Da questa scatola, oltre ai biscotti, la mattina uscivano tante tante storie. I protagonisti erano il cane da caccia e il signore a cavallo. A volte i protagonisti erano entrambi, altre uno solo dei due.

Io ero talmente concentrata e presa dai racconti da entrare nella scatola e partecipare anche io alle storie.

Io viaggiavo insieme a loro, al cane e al signore a cavallo, andavo a spasso nel bosco, trovavo buffe case fatte di paglia con dentro buffi gnomi pasticcioni,  rientravo nella stalla a dar da mangiare al cavallo.

Le mie mattinate cominciavano con bellissime storie che mi facevano viaggiare con la fantasia. Le storie finivano quando avevo finito di mangiare la mia razione di latte e biscotti e mia mamma aveva finito la sua dose di fantasia.

La scatola dei racconti era anche a casa di mia nonna e penso che esista ancora, dovrò mettermi a cercarla.

Questo è un post di



I post delle altre comari:
Rosalba
Come sempre aspettiamo i tuoi post a tema!


Commenti

  1. Una bella storia, un bel ricordo e un viaggio nella memoria che tutti potremmo avere, basta cercarlo.
    Bellissimo post. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che dolce ricordo, furba si la tua mamma e anche molto tenera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia mamma se ancora pensa a quanto l'ho fatta penare per mangiare, ancora le viene l'ansia! Io non sono paziente come lei.

      Elimina
  3. Bellissimi questi ricordi di bambina! Teneri! Dolci!
    In un certo rassicuranti.
    Le mamme poi ne hanno sempre saputa una più del diavolo ahahhahaah

    ps pure tu non mangiavi? Io sono cresciuta a latte e (pochi) biscotti al plasmon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io i biscotti li davo al cane quando facevo finta di giocare a "mamma e figlio" con lui! E non aggiungo altro!

      Elimina
  4. Questi sono proprio viaggi indimenticabili. Bellissimo post, Barby!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post , troppo tenero questo racconto. 💗

    RispondiElimina
  6. Mia nonna usava la stessa tecnica per farmi pranzare... Io ascoltavo e pian piano svuotavo il piatto!!
    Che bei ricordi, grazie!!

    un abbraccio
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  7. Dolcissimo racconto! Una scatola non solo piena di ricordi e di storie ma di emozioni!
    La usi anche tu con il tuo cucciolo?... che certe belle tradizioni vanno assolutamente tramandate ;-)
    Bellissimo post Barby, un abbraccio <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No al mio cucciolo bastava dargli una cosa in mano per fagli aprire la bocca ;) Ora mangia da solo e, come i grandi, guarda la tv!

      Elimina
  8. Guarda Barbara quella scatola la ricordo anch'io ....fantastico mille viaggi dentro ... con me non funzionava ... si doveva camminare intanto ... raccogliere fiori, sassolini, guardare un filo d'erba una formichina e la nonna con il piatto ....peccato che poi ho iniziato ad apprezzare il cibo... ora mi devono tirare via il piatto da davanti ;))) un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia Giusi...un incubo darti da mangiare!!! Anche a me ora devono tirare via il piatto!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.