Passa ai contenuti principali

Fa' la Cosa Giusta: Le Città Incantate

 Ho sempre creduto nell'importanza della lettura ad alta voce. Ho cominciato a leggere al mio bambino sin da piccolissimo, da quando aveva pochi mesi e deevo dire che sono stata contentissima di averlo fatto.

Non solo si è instaurata con lui empatia, non solo è diventato un bel rituale della buonanotte. Mio figlio considera la lettura di mamma come una grande coccola e io di questo non posso che essere felicissima.

Quando Angela mi ha mandato la video intervista a Martina, la responsabile del progetto Città Incantate sono stata contentissima.

Come mamma lettrice non posso che rimanere affascinata da un progetto come questo.

Città Incantate è un progetto creato e promosso dall' Associazione Città Incantata che coinvolge i comuni dell'area sud-ovest dello Sbam, il Sistema Bibliotecario dell'area metropolitana di Torino. E' un progetto di letture di fiabe, racconti e filastrocche che porta la magia della narrazione orale direttamente nei giardinetti, parchi ed altri spazi pubblici della Città. Lettrici volontarie, cantastorie ed attori, in collaborazione con le biblioteche della vostra città raccontano in luoghi pubblici storie tratte dalla migliore letteratura per l’infanzia. Un buon modo, questo, per trasmetere ai bambini la sensazione di vivere una Città “incantata” capace  di sorprendere e meravigliare... e di stimolare la loro immaginazione appassionandoli al fantastico mondo della lettura.

A me non rimane che lasciare la parola ad Angela e ringraziarla ancora per questa bella esperienza che si svolge a Torino e nei comuni limitrofi e che spero si possa propagare a macchia d'olio anche in altre città italiane.


Per chi volesse seguire questo progetto sui social potete farlo attraverso la loro pagina Facebook.

Questo è un post di


Commenti

  1. ma che bello!!mi piacerebbe ci fosse anche qui a Genova, parteciperei volentieri!

    RispondiElimina
  2. Spettacolare iniziativa e bravissima la nostra inviata Angela!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.