Passa ai contenuti principali

Cosa si nasconde nella mente umana - Joshua il libro di Massimiliano Riccardi


Lampo.
Uno squarcio di luce bluastra illumina per pochi secondi la stanza. I lampeggianti delle auto della polizia dipingono ombre sulle pareti.
Passi.
Rumore di scarpe pesanti al di là della porta e voci concitate fanno da sottofondo ai suoi pensieri.
Lui non ha paura.
Da tempo si è preparato ad affrontare quello che sta per verificarsi.
L'uomo guarda le sue dita attraverso le spire di fumo di quella che potrebbe essere la sua ultima sigaretta. Le mani non tremano, sono sporche.
Rosse di sangue.
I passi si fermano dietro alla porta. Sono qui per lui.
Cacciatori.
Illusi.
Stanno per diventare prede e non lo sanno.
Sistema e mette in ordine le cose, questo è il suo lavoro.
In realtà uccide.
Spegnere vite, annientare, questa è la sua unica grande passione.
Lui è un assassino.

Così inizia Joshua, un romanzo che ti fa rimanere incollato a leggerlo dall'inizio alla fine, senza tregua. Rimani senza respiro, è vero, fino all'ultima pagina.

Joshua è un triller di quelli che piacciono a me. Non è importante sapere chi è l'assassino, che di fatto viene svelato sin dalle prime pagine, importante è sapere il motivo per il quale uccide, cosa si nasconde dietro a ogni suo omicidio. In questo Massimiliano Riccardi è bravissimo. Il suo racconto si snoda, pagina dopo pagina, tra passato e presente, tra prima e dopo.

Protagonista del libro è Joshua. La sua vita può essere riassunta in tre parole: paura, solitudine, violenza. Parole difficili da farsi scivolare via.

Quello che difficilmente viene raccontato nei conflitti a fuoco e dei morti ammazzati è la realtà desolante. 
La cruda, squallida, immagine della morte.
...
Non c'è sapore di gloria nell'uccidere.
Rimane solo il tremore delle mani o delle ginocchia perché l'adrenalina che ti ha sorretto sino a quel momento ti viene a mancare.

Chi arriva a essere un omicida seriale perché lo fa?

Quali sono i traumi che ha vissuto?

Come può cercare di trasformare in positivo l'angoscia e la paura che prova ogni volta?

Che faccia hanno le vittime?

Tante domande le cui risposte emergono piano piano durante la lettura del libro. Le risposte non sono mai scontate. Ti lasciano la sensazione di angoscia, paura, sgomento. Ti fanno rimanere imprigionati nella storia e ti fanno riflettere sul valore dei rapporti umani.

Ecco perché vi consiglio di leggerlo, perché è un gran bel libro e di libri così se ne trovano veramente pochi in giro!




Commenti

  1. Non ho parole per ringraziarti, Veramente un bellissimo regalo. Un bacio grande.

    RispondiElimina
  2. Spero di aver colto il senso del romanzo, Massimiliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccome Barbara. Poi, comunque, una volta scritto il romanzo è di chi lo legge.

      Elimina
    2. Questo in un certo senso è vero. Libro da leggere assolutamente

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…