Passa ai contenuti principali

Cosa si nasconde nella mente umana - Joshua il libro di Massimiliano Riccardi


Lampo.
Uno squarcio di luce bluastra illumina per pochi secondi la stanza. I lampeggianti delle auto della polizia dipingono ombre sulle pareti.
Passi.
Rumore di scarpe pesanti al di là della porta e voci concitate fanno da sottofondo ai suoi pensieri.
Lui non ha paura.
Da tempo si è preparato ad affrontare quello che sta per verificarsi.
L'uomo guarda le sue dita attraverso le spire di fumo di quella che potrebbe essere la sua ultima sigaretta. Le mani non tremano, sono sporche.
Rosse di sangue.
I passi si fermano dietro alla porta. Sono qui per lui.
Cacciatori.
Illusi.
Stanno per diventare prede e non lo sanno.
Sistema e mette in ordine le cose, questo è il suo lavoro.
In realtà uccide.
Spegnere vite, annientare, questa è la sua unica grande passione.
Lui è un assassino.

Così inizia Joshua, un romanzo che ti fa rimanere incollato a leggerlo dall'inizio alla fine, senza tregua. Rimani senza respiro, è vero, fino all'ultima pagina.

Joshua è un triller di quelli che piacciono a me. Non è importante sapere chi è l'assassino, che di fatto viene svelato sin dalle prime pagine, importante è sapere il motivo per il quale uccide, cosa si nasconde dietro a ogni suo omicidio. In questo Massimiliano Riccardi è bravissimo. Il suo racconto si snoda, pagina dopo pagina, tra passato e presente, tra prima e dopo.

Protagonista del libro è Joshua. La sua vita può essere riassunta in tre parole: paura, solitudine, violenza. Parole difficili da farsi scivolare via.

Quello che difficilmente viene raccontato nei conflitti a fuoco e dei morti ammazzati è la realtà desolante. 
La cruda, squallida, immagine della morte.
...
Non c'è sapore di gloria nell'uccidere.
Rimane solo il tremore delle mani o delle ginocchia perché l'adrenalina che ti ha sorretto sino a quel momento ti viene a mancare.

Chi arriva a essere un omicida seriale perché lo fa?

Quali sono i traumi che ha vissuto?

Come può cercare di trasformare in positivo l'angoscia e la paura che prova ogni volta?

Che faccia hanno le vittime?

Tante domande le cui risposte emergono piano piano durante la lettura del libro. Le risposte non sono mai scontate. Ti lasciano la sensazione di angoscia, paura, sgomento. Ti fanno rimanere imprigionati nella storia e ti fanno riflettere sul valore dei rapporti umani.

Ecco perché vi consiglio di leggerlo, perché è un gran bel libro e di libri così se ne trovano veramente pochi in giro!




Commenti

  1. Non ho parole per ringraziarti, Veramente un bellissimo regalo. Un bacio grande.

    RispondiElimina
  2. Spero di aver colto il senso del romanzo, Massimiliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccome Barbara. Poi, comunque, una volta scritto il romanzo è di chi lo legge.

      Elimina
    2. Questo in un certo senso è vero. Libro da leggere assolutamente

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.