Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 11: il bosco


Ho ripreso il ritmo, o meglio, spero di averlo ripreso. A un giorno dalle vacanze estive, con una miriade di cose che frullano nella mia testa, che si accavallano, si sovrappongono, mi lascio cullare da una certezza. Un appuntamento fisso da rispettare e da onorare. Un esercizio di scrittura e di creatività. La sfida è essere creativi utilizzando le parole: il finale di racconto utilizzando 200/300 battute oppure 200/300 parole.
L'incipit del racconto lo da lei, Patricia, il 20 di ogni mese. I suoi incipit sono sempre belli, mai banali.



Questo è quello di questo mese.

Odore di muschio. Di foglie in decomposizione.
Nel bosco, sotto a quel guazzabuglio di querce olmi e acacie, alte da sembrare volerlo solleticare 
e spesso da oscurarlo, il cielo era sparito.
Si chinò ad annusare lo stesso odore di allora quando....

Io ho concluso il racconto così.


...
un flash back. Erano dieci anni che non tornava lì e tutto all'apparenza sembrava immutato. Una differenza però c'era e non era neanche piccola. l'ultima volta era sola, triste e in cerca di una luce che non vedeva. Ora la luce c'era, era al suo fianco e lei era tornata nel bosco per ringraziare.

297 caratteri
244 caratteri (no spazi)
54 parole

Commenti

  1. Bellissimo Barbara. ..molto dolce. ..brava

    RispondiElimina
  2. Bello davvero Barbara! La solitudine via! Un calcio nel lato B!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Bacio e grazie!

    Giusiiiiiii.... e tu??????????????? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto la solitudine non voluta, non cercata. Giusi vogliamo leggere anche il tuo finale!

      Elimina
  3. Cavoli, leggo in giro dei piccoli capolavori. Brava Barbara. Patriciaaaaa guarda un po' cosa hai combinato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, grazie! Non i fate montare la testa che non ho altro tempo a disposizione per mettermi a scrivere! Patricia l'ha combinata grossa!!!

      Elimina
  4. Irradia la luce di cui parli, il tuo finale.
    Splendida Barbara! a volte è più difficile dire così tanto in così poco... :***

    RispondiElimina
  5. Un post che insegna la speranza!
    Bellissimo!

    RispondiElimina
  6. Ho chiuso la bicocca montana e sono tornata in pianura ma mi manca già il profumo del bosco e le sensazioni che regala, il tuo dolce racconto riacutizza questa sensazione.
    Brava

    RispondiElimina
  7. Ho chiuso la bicocca montana e sono tornata in pianura ma mi manca già il profumo del bosco e le sensazioni che regala, il tuo dolce racconto riacutizza questa sensazione.
    Brava

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.