Passa ai contenuti principali

L'Ometto al "Parco Scuola del Traffico" di Roma

Esiste a Roma un posto dove i bambini imparano i segnali stradali, il rispetto delle regole stradali e dove imparano a guidare la macchina.

Io c'ero già stata una voltsa tantissimi anni fa. Ero andata insieme a un mio amico (che ora è docente universitario e all'epoca avrà avuto 8/9 anni, quindi fate voi il conto di quanti anni sono passati) accompagnati dal suo papà e avevo trovato il posto veramente spettacolare. Insomma guidare una macchina vera su una vera strada non era mica come andare sulle auto scontro.

Così, un pomeriggio, cercando qualche cosa da far fare all'Ometto, mi è venuto nuovamente in mente questo parco e l'ho cercato,sperando fortemente che esistesse ancora, su Google.

E magia!


Non solo il Parco Scuola esiste ancora, ma ha anche un bellissimo sito dove si possono trovare le notizie e le attività che sio svolgono durante l'anno nel parco.


Così ho deciso, anche per gli uomini di casa, che il pomeriggio lo avremmo passato alla Scuola del Traffico.


Non è che la notizia sia stata colta con così tanto entusiasmo, devo dire che mi sarei aspettata, in partenza, un po' più di slancio... Per vedere negli occhi degli uomini di casa l'entusiasmo che il posto merita ho dovuto aspettare di arrivare al parco scuola.

- Ma sono macchine vere!
- Ci sono i semafori!
- Le guidano i bambini!
- Attraversiamo sulle strisce che i bambini sono particolarmente ligi al dovere e si fermano per farti passare solo se sei sulle strisce pedonali.



Così con l'emozione, che piano piano saliva a mille, siamo arrivati negli uffici del parco e, dopo aver compilato il modulo per il rilascio del foglio rosa, abbiamo aspettato che ci venisse assegnata la macchina.

Tre giri del percorso esterno a senso unico, il primo dei quali fatto affiancato da una insegnante. Concentratissimo, l'Ometto. Impazzito il suo papà che faceva foto e girava video... e per fortuna che ogni tanto mi danno retta!



Dopo la terza guida c'è l'esame per la patente e per poter guidare sul percorso misto...


 ... ma per questo dobbiamo aspettare settembre.

Commenti

  1. Un modo eccellente per insegnare e un modo divertente per imparare senza sentirsi costretti a studiare cose barbose.
    Se i bambini si divertono imparano più velocemente e nn dimenticano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Pat, per questo torneremo per fare le altre due lezioni prima di poter prendere la patente!

      Elimina
  2. E' davvero un buon modo di insegnare l'educazione stradale ai bambini! Anch'io tempo fa, quando i miei figli erano piccoli, sono stata in un posto del genere, non ricordo esattamente dove però, durante una gita scolastica. Si sono divertiti un mondo! Che bello rivivere certi ricordi! Grazie per questo anche a te
    Buona giornata
    Sy

    RispondiElimina
  3. Ma è una figata questo postooooooooooooooo!!! WOW!!!!!
    Bello, bello, bello.
    Soprattutto intelligente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginati padre e figlio quanto erano esaltati!!!

      Elimina
  4. ciao! sono Nonnaga, ma davvero esiste ancora? "..Vecchio scarpone... quanto tempo è passato..."! beh sono lieta. Per una educazione stradale, però, siate incisivi, cari genitori, anche nell'insegnare ai vostri bambini ad essere pedoni corretti. Non si cammina per strade con le cuffiette MP3 o con auricolari o scrivendo sms nei cell. Le strisce zebrate vanno attraversate con sveltezza e in sicurezza. Oggi vedo troppi sbadati per strada. E le cattive notizie sono tante...! Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,