Passa ai contenuti principali

L'Ometto al "Parco Scuola del Traffico" di Roma

Esiste a Roma un posto dove i bambini imparano i segnali stradali, il rispetto delle regole stradali e dove imparano a guidare la macchina.

Io c'ero già stata una voltsa tantissimi anni fa. Ero andata insieme a un mio amico (che ora è docente universitario e all'epoca avrà avuto 8/9 anni, quindi fate voi il conto di quanti anni sono passati) accompagnati dal suo papà e avevo trovato il posto veramente spettacolare. Insomma guidare una macchina vera su una vera strada non era mica come andare sulle auto scontro.

Così, un pomeriggio, cercando qualche cosa da far fare all'Ometto, mi è venuto nuovamente in mente questo parco e l'ho cercato,sperando fortemente che esistesse ancora, su Google.

E magia!


Non solo il Parco Scuola esiste ancora, ma ha anche un bellissimo sito dove si possono trovare le notizie e le attività che sio svolgono durante l'anno nel parco.


Così ho deciso, anche per gli uomini di casa, che il pomeriggio lo avremmo passato alla Scuola del Traffico.


Non è che la notizia sia stata colta con così tanto entusiasmo, devo dire che mi sarei aspettata, in partenza, un po' più di slancio... Per vedere negli occhi degli uomini di casa l'entusiasmo che il posto merita ho dovuto aspettare di arrivare al parco scuola.

- Ma sono macchine vere!
- Ci sono i semafori!
- Le guidano i bambini!
- Attraversiamo sulle strisce che i bambini sono particolarmente ligi al dovere e si fermano per farti passare solo se sei sulle strisce pedonali.



Così con l'emozione, che piano piano saliva a mille, siamo arrivati negli uffici del parco e, dopo aver compilato il modulo per il rilascio del foglio rosa, abbiamo aspettato che ci venisse assegnata la macchina.

Tre giri del percorso esterno a senso unico, il primo dei quali fatto affiancato da una insegnante. Concentratissimo, l'Ometto. Impazzito il suo papà che faceva foto e girava video... e per fortuna che ogni tanto mi danno retta!



Dopo la terza guida c'è l'esame per la patente e per poter guidare sul percorso misto...


 ... ma per questo dobbiamo aspettare settembre.

Commenti

  1. Un modo eccellente per insegnare e un modo divertente per imparare senza sentirsi costretti a studiare cose barbose.
    Se i bambini si divertono imparano più velocemente e nn dimenticano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Pat, per questo torneremo per fare le altre due lezioni prima di poter prendere la patente!

      Elimina
  2. E' davvero un buon modo di insegnare l'educazione stradale ai bambini! Anch'io tempo fa, quando i miei figli erano piccoli, sono stata in un posto del genere, non ricordo esattamente dove però, durante una gita scolastica. Si sono divertiti un mondo! Che bello rivivere certi ricordi! Grazie per questo anche a te
    Buona giornata
    Sy

    RispondiElimina
  3. Ma è una figata questo postooooooooooooooo!!! WOW!!!!!
    Bello, bello, bello.
    Soprattutto intelligente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginati padre e figlio quanto erano esaltati!!!

      Elimina
  4. ciao! sono Nonnaga, ma davvero esiste ancora? "..Vecchio scarpone... quanto tempo è passato..."! beh sono lieta. Per una educazione stradale, però, siate incisivi, cari genitori, anche nell'insegnare ai vostri bambini ad essere pedoni corretti. Non si cammina per strade con le cuffiette MP3 o con auricolari o scrivendo sms nei cell. Le strisce zebrate vanno attraversate con sveltezza e in sicurezza. Oggi vedo troppi sbadati per strada. E le cattive notizie sono tante...! Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…