Passa ai contenuti principali

Ispirazioni&Co24 - Neve: fiocco di neve a crochet

Ventiquattresimo appuntamento con Ispirazioni&Co. Ma ci pensate? Due anni tondi tondi e ricchi di chiacchiere, post, parole più o meno serie che ci hanno fatto compagnia mese dopo mese.

Da quando è partita questa grande avventura qualche cosa è cambiata, alcuni amici hanno deciso di intraprendere strade diverse, alcuni si sono aggiunti in corsa, alcuni ci seguono dal primo post datato gennaio 2015.

Ventiquattro temi (su per giù) sono tanti, accidenti, e anche la scelta di nuove ispirazioni da proporvi si fa difficile, ma quando il gioco si fa duro diventa anche esaltante (almeno pernoi Comari).

Avremmo potuto scegliere "Natale" come tema per Dicembre ma saremmo state troppo prevedibili e a noi essere prevedibili non piace neanche un po'.

Allora abbiamo pensato a qualche cosa che richiamasse il Natale senza però avvicinarsi troppo.

Nel guppo Facebook e nella Community di Google+ lo abbiamo già annunciato. Non mi rimane che farlo anche qui e aprire ufficialmente la raccolta per il mese di Dicembre.....
Questo mese le Comari vi invitano a farvi ispirare dalla NEVE!




Ed io mi sono lasciata ispirare da questa poesia di Gianni Rodari.
 
Che bella neve, 
che invenzione la neve di lana e di cotone… 
Non bagna i guanti né le mani senza guanti, 
né i piedi senza scarpe, 
né i nasi senza sciarpe, 
né le teste senza cappello, 
né i cappelli senza ombrello, 
né le stufe senza carbone, 
questa bellissima invenzione, 
la neve di lana e di cotone.

GIANNI RODARI
Ispirare per cosa, chiederete voi.

Beh, anche se ultimamente il tempo è per me tiranno, io non riesco proprio a stare con le mani in mano. Ieri sera, dopo il maldestro tentativo di voler usare l'uncinetto con il filo da ricamo, ho recuperato dalla scatola del cucito l'uncinetto giusto, ho preso un avanzo di gomitolo di lana, e mi sono messa a creare la mia neve di lana.


Un po' storto, un po' troppo colorato, forse, ma insomma apprezzate lo sforzo! Anzi, già che ci siete, mi potete spiegare come faccio ad inamidare la lana? 😀

Ora sta a voi riempire questa raccolta, noi vi aspettiamo!







Commenti

  1. Ciao, non so esattamente come fare per inamidarlo ma se vuoi solo indurirlo puoi meterle a bagno in una ciotolina di acqua e colla vinilica: quando si è ben inzuppato lo strizzi un po' e lo lasci ad asciugare... una volta asciutto di assicuro che è bello rigido!
    Il tema di questo mese mi piace proprio e ho già qualche cosa che posso inserire nella raccolta: poi vedrò di creare anche altre cose... il periodo aiuta ;-)
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, proverò. Ti aspetto con la tua creazione 😉

      Elimina
  2. Io lo trovo molto carino il tuo fiocco di neve. Per inamidarlo io seguirei il procedimento che ti ha indicato Maryclaire, oppure so che vendono dell'appretto spray che dovrebbe avere proprio quella funzione, ma forse è più economica la colla.

    RispondiElimina
  3. Rodari mi fa sempre tornare bambina, grazie per questa chicca.
    Complimenti anche per il fiocco di neve, lo vedo già appeso alla finestra: molto suggestivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me Rosalba! Continua a essere tra i miei autori preferiti

      Elimina
  4. A me piace tantissimo!!! Anche io sono alle prime armi!!

    RispondiElimina
  5. ....e poi.....Rodari mi ricorda il mio vecchio libro "Favole al telefono", ricordi meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Favole al telefono l'ho letto e riletto anche io

      Elimina
  6. Per me è già un capolavoro, eh!!!
    Io proprio non sono capace!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,