Passa ai contenuti principali

hand-made winter 2017: sottotazza a crochet


Io non mollo, continuo imperterrita, armata del mio uncinetto a fare danni!

Questa volta il lavoro è facile facile e ricorda molto le presine ustionanti che si usavano in cucina quando ero piccola.

Io quando penso all'inverno penso al freddo e al thé e tisane calde.

Le mie mani sono spesso fredde e il loro naturale prolungamento, in inverno, è la tazza bollente di thé o tisana. Poggiare però una tazza calda su un mobile di legno, sul tavolo o sulla scrivania può fare danni.



Lo so che i piattini sotto-tazza servono a posta per evitare l'alone sui mobili, ma , diciamo la verità, non tutte le tazze che abbiamo in casa sono munite di piattino e comunque i piattini sono spesso bruttini, anonimi e tristi.

Così ho pensato di mettere mano gli avanzi di lana e di realizzare dei colorati e unici sotto-tazza.

Ora vi spiego come ho fatto a realizzarli.

Il lavoro inizia con 10 maglie basse intorno al cerchio magico.

Il secondo giro ho lavorato tre catenelle di inizio e poi due maglie alte per ogni maglia bassa sottostante. Ho chiuso anche questo secondo giro.



Il terzo giro ho lavorato tre catenelle e poi due maglie alte nella maglia sottostante e una maglia alta in quella seguente ripetendo lo schema fino a conclusione del giro.

Il quarto giro ho lavorato tre catenelle e ho aumentato di una maglia alta ogni ogni due maglie alte.


Il quinto e ultimo giro mi è servito per rifinire il cerchio con il punto gambero.

Ho iniziato con un sotto-tazza e poi mi sono fatta prendere la mano 😉.



Con questo post partecipo ad #handmadewinter2017 con le mie amiche blogger del gruppo di The Creative Factory. Mi raccomando, andate a leggere anche i post delle mie amiche!

banner by Norma Riccaldone    

Commenti

  1. Questa volta nessun danno ma un oggetto utilissimo :) Brava
    Un bacio
    Licia

    RispondiElimina
  2. Bravissima!
    Belle queste sotto tazze, mi piacciono molto anche i colori, caldi contro il freddo dell'inverno
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  3. Semplici e belli! Chissà se sono facili abbastanza per una impedita come me con la lana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me risulta più facile lavorare la lana del cotone. Sarà perchè è il filato è più grosso e vedo prima il risultato... ti assicuro che sono facilissimi!

      Elimina
  4. Per chi sa usare l'uncinetto, un lavoro semplice, ma molto carino, soprattutto se ne fai tanti e tutti di colori diversi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la produzione non di è ancora arrestata!

      Elimina
  5. Anche io preferisco i sotto tazza in lana, caldi e morbidi al posto del piattino, bravissima!

    RispondiElimina
  6. Sono molto carini anche esteticamente! La tua tavola sarà molto allegra 😉

    RispondiElimina
  7. Sono molto eleganti e certamente più belli dei piattini! Anche io adoro il tè e le tisane d'inverno!! Si è notato??
    Bacioni
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sy praticamente i nostri lavoro sono complementari!

      Elimina
  8. Mi piacciono tantissimo, li trovo molto utili. Adoro lavorare all'uncinetto.
    Un bacione
    Sara

    RispondiElimina
  9. Senti, ma quando le fai? Di notte?
    Eddai ....

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…