Passa ai contenuti principali

Di amicizia, lealtà e ... vampiri!


Li ho divorati da bambina, avrò avuto 9/10 anni. Mi sono immersa nelle storie di Anton, Rudiger e Anna: ho riso, mi sono commossa e qualche volta anche un po' spaventata.

Ero riuscita a leggerne 3 su quattro, poi i libri erano finiti fuori catalogo e non ero più riuscita a recuperare il quarto.


Quando, poco tempo fa ho letto la notizia che avrebbero stampato di nuovo tutti e quattro i volumi non ho avuto alcun dubbio: li avrei comprati tutti e quattro insieme e li avrei riletti insieme allo Gnomo.

E così è stato! 


Una domenica pomeriggio gironzolavo in libreria quando ho sentito un signore che diceva al figlio "Vampiretto? Ma è un libro troppo da grandi per te, vallo a rimettere a posto che cerchiamo qualche cosa di più adatto alla tua età!"

La faccio breve: sono andata a chiedere al bimbetto di 3 anni dove aveva trovato quel tesoro. Mi ha risposto la mamma indicandomi lo scaffale dove il bambino fino a poco prima stava rovistando.

Ho cercato anche io lì e li ho trovati, tutti e quattro. Finalmente tutti e quattro nelle mie mani!

Non so dire se questo sia stato un regalo per lo Gnomo oppure per me. Mio marito mi ha guardato con aria perplessa e devo dire anche lo Gnomo era un po' scettico.

Abbiamo appena finito di leggere il primo della serie.


I miei ricordi non sono stati disattesi, lo Gnomo ha sciolto la sua riserva dicendo che il libro gli è piaciuto molto.

E' la storia di una amicizia, bella, leale, senza preconcetti tra un bambino di 9 anni, Anton, un Vampiretto, Rudiger e sua sorella Anna. 

Rudiger e Anna sono due strani vampiri: lui amante dei libri dell'orrore ma che ha paura del buio; lei una vampiretta senza denti che adora bere il latte e che è innamorata di Anton.

Tra storie di Vampiri, strani incontri, inconvenienti e genitori impiccioni i protagonisti del romanzo stringono una bella amicizia.

Ora ci attendono gli altri tre ... e io non vedo l'ora di leggerli tutti.

E voi, li avete mail letti? Quale è il libro che parla di amicizia che più avete amato?



Commenti

  1. Uuuuuhhhhh! non posso crederci! Io che sono una patita di vampiri...mi sono persa questi????
    Tocca recuperare! Assolutamente!

    Grazie per la segnalazione <3

    RispondiElimina
  2. da piccola non amavo leggere, poi all'età di 13 anni iniziai a leggere Harry potter:-) crescere insieme ai protagonisti è stato indimenticabile.. nuova lettrice ti aspetto nel mio blog!!!

    RispondiElimina
  3. Questi non li ho mai letti, ma ci sono un paio di serie che leggevo da ragazzina che rileggerei volentieri se le ristampassero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Il Gufo pasticcione

Il gufo è uno degli anomali che a me piacciono di più. Misateriosa creatura della notte, è da sempre sinonimo di saggezza. In molte delle culure antiche il gufo è considerato una figuras magica. Ad esempio, i nativi americani associavano il significato del gufo alla saggezza e al fatto di essere il guardiano di tutti i tipi di saperi. Questo si deve al fatto che questo uccello è un grande combattente contro le condizioni avverse del clima, ma soprattutto riesce a vedere di notte. In epoca medioevale nel centro Europa si diceva che questi animali fossero in realtà streghe e maghi. Da quel momento si considera questo animale come parte della famiglia delle streghe. E visto che io, di fatto, sono una strega saggia, ho deciso di realizzare un piccolo gufo da appendere al pomello di un cassetto della mia postazione craft. Ora vi racconto anche come ho fatto. Ho preso: una rondella di legno bianca (comprata chissà dove),  2 occhietti mobili 1 filo di corda giallo (di quelli che chiudono l

Mini ghirlanda con perline di legno

  Buongiorno! Partecipo anche questo mese al Resto Amistoso 162 organizzato questo mese da Ovillo de Eli .  Tema della challenge sono le perline e io mi sono affidata alle mia scorta di perle di legno. Vi dico subito che non era questo il progetto che avevo in mente e che ho provato a fare con scarsi risultati.  E così ho scelto il mio piano B, la ghirlanda di perle di legno. Un progetto semplice, veloce da realizzare ma che mi dà sempre tanta soddisfazione perché può essere personalizzato in molti modi.  Per realizzare la ghirlanda servono: Perline di legno Filo di ferro Nastrino colorato Ho infilato le perline nel filo di ferro che ho poi chiuso a cerchio con l'aiuto di una pinza. Ho decorato con del nastro colorato. Con questo post partecipo a 

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s

Segnalibro pirografato

Tra le tante tecniche che ho provato in questi anni di blog ancora non ero arrivata a sperimentare la pirografia. I perchè sono tanti, primo fra tutti è che io non sono capace a disegnare e quindi mi sono tenuta sempre piuttosto lontana da tutto ciò che poiteva avcvicinarsi al disegno e poi, cosa fondamentale, non avevo un pirografo. Il primo ostacolo è stato superato dall'età e dalla pratica. Non è che io invecchiando sia diventata brava a disegnare, piuttosto ho scoperto che alcune cose riesco a disegnarle senza che il risultato sia proprio pessimo: poche cose, elementari, ma mi accontento. Per quanto riguarda il pirografo devo ringraziare una mia amica che me lo ha regalato. Il primo tentativo di pirografia è stato pessimo perchè io, giustamente, ho letto un po' di tutorial dopo aver pasticciato su una tavoletta di legno e non prima! Ho subito scoperto che il legno deve essere perfettamente liscio per facilitare il tratto (che poi il legno brucia ugualmente, ma se il legno n