Passa ai contenuti principali

#Proustadtrip, io gioco e voi?


Non è il primo questionario del genere che compilo. Avevo già partecipato all'iniziativa di Malanotteno e mi ero veramente divertita a rispondere alle domande del questionario di Proust. Era il 2013 e vi dirò che rileggendo ora il post non cambierei le risposte che avevo dato allora.

Quando questa mattina ho acceso il pc e mi sono ritrovata a leggere il post di Silvia non ho avuto dubbi. Ho salvato il post nei preferiti e ho cominciato a pensare alle risposte. Le domande sono molto diverse da quelle di Malanotteno. Il questionario è incentrato sui libri e sul viaggio econsiderato il fatto che noi quando viaggiamo partiamo con uno zaino pieno di libri, direi che sono proprio stata invitata a nozze!

Se non sapete di che cosa sto parlando, il questionario di Proust è una serie di domande volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Non si tratta di un test psicologico, poiché non è corredato di interpretazioni di alcun genere; ha il solo scopo di conoscere meglio se stessi e gli altri.

 Ecco qui il questionario e le mie risposte. Se volete potete partecipare anche voi, vi basta ricopiare le domande e dare le vostre risposte.
Potete pubblicare un post (sul vostro blog, sul vostro profilo Facebook, ovunque vi sia più congeniale) con l’hashtag #proustandtrip

Pensateci...intanto io vi lascio il mio qustionario compilato!


L’ultimo libro che ho regalato.
Carlo Lucarelli Intrigo italiano 

L’ultimo libro che ho letto.
Murakami Uomini senza donne

L’ultimo libro che ho acquistato in una libreria indipendente.
Non me lo ricordo. Vicino casa ho La Feltrinelli e di solito acquisto lì i libri

Un libro che non ho compreso.
Oceano Mare di Baricco

Un libro acquistato in viaggio.
Parto con la scorta di libri da casa...di solito non ne acquisto altri

Una delle frasi più belle letta in un libro.
“La vita è un arazzo e si ricama giorno dopo giorno con fili di molti colori, alcuni grossi e scuri, altri sottili e luminosi, tutti i fili servono.” 
Isabella Allende Il quaderno di Maya.

Il libro che non mi sento ancora pronto/a a leggere.
...

Il primo libro che metterei nello zaino se partissi domani per un viaggio a piedi.
Sepulveda "Patagonia Express"

Tre libri che sarei disposto a leggere e rileggere se dovessi restare mesi su un’isola deserta.
Bulgakov Il Maestro e Margherita
Allende La Casa degli Spiriti
Marguerite Yourcenar Memorie di Adriano.
I libri che sono in questo periodo sul mio comodino.
Murakami Il mestiere dello scrittore

Il libro di cui avrei voluto essere protagonista.
E' difficile rispondere perchè io mi immedesimo nei personaggi di tutte le storie che leggo.         

Con questo post partecipo a

http://www.trippando.it/proustandtrip-il-questionario-di-proust-alla-moda-di-trippando/






Commenti

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…