Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 23: La lettera


Questo mese non me lo lascio sfuggire appuntamento con Patricia e con l'incipit della sua storia! 

Le regole le sapete tutti vero? Io questa volta ho scelto di finire il suo racconto utilizzando 207 parole.

Questo è il suo incipit

La lettera.

Aprì la busta e ne estrasse un foglio ingiallito dal tempo. Piccole macchie di inchiostro lo segnavano . Forse era scritta con la penna d’oca. La grafia era decisamente d’altra epoca piena di svolazzi. Bei tempi quelli in cui ci si inviava missive!
Inforcò gli occhiali, lo aprì, sedette e lesse.
 ...

 

Questo qui il mio finale

Inizialmente non riusciva a capire bene ogni singola parola, faceva fatica a leggere.
La grafia era troppo arzigogolata e poi erano anni ormai che non leggeva più una parola scritta a mano.
Ormai il pc aveva preso il sopravvento e l'inchiostro delle penne si era tutto seccato.
Aveva ritrovato la lettera dentro a un vecchio libro e ora non credeva ai suoi occhi nel leggerne il contenuto.
Da quello che capiva era una lettera d'amore. 
Era la lettera d'amore di un padre verso suo figlio.
Il racconto, ancora terribilmente attuale di un'epoca ormai lontana.

Più  andava avanti nella lettura più gli occhi gli si inumidivano.
Inutile, non riusciva a resistere alla commozione!
Tra le parole c'era non solo amore ma anche fiducia e speranza.
Chissà quale è stata la reazione del destinatario della missiva. 
Chissà se aveva compreso fino in fondo ciò che era scritto.
Chissà se il destinatario della missiva sarebbe stato contento che qualcun altro, anche se dopo tantissimi anni, avrebbe letto quelle parole a lui destinate.
Tante domande si accavallavano nella sua mente e pochissimi risposte.
Con questo pensiero e questo scrupolo, smise di leggere. Prese il foglio, lo piegò per bene e lo mise nel cassetto della sua scrivania. 

C'è ancora qualche giorno di tempo per partecipare 😉

Commenti

  1. Certo che c'è ancora tempo 😊 sono io che sono in ritardo... devo ancora scrivere il mio!
    Grazie Barbarella, è un bellissimo finale pieno di emozione e rispetto. Rarità oggi come oggi
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Brava, Barbi, bel finale!
    E quanta nostalgia del contest di Patricia!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.