Passa ai contenuti principali

Di antiche cucine e attrezzi della nonna


Quando mia nonna mi raccontava che nella cucina di casa sua, in un piccolo paese sul Gernargentu, c'era un grande camino nel quale lei e le sue sorelle si rintanavano per scaldarsi io mica riuscivo a immaginarmelo.

Cioè, non riuscivo a immaginarmi di poter entrare dentro a un camino. L'ho dovuto scoprire a 41 anni nel Museo della civiltà Solandra  a Malè dove un camino del genere è ricostruito, per rendermi conto, per focalizzare, i racconti di mia nonna.



E ho capito anche che alla fin fine la montagna è sempre montagna, sia che si trovi in Trentino o nel centro della Sardegna: la necessità di scaldarsi intorno al focolare era la stessa e i focolari stessi, molto probabilmente si assomigliavano tutti.
D'altra parte si assomigliavano molto anche gli arnesi da cucina.

Mia nonna nei suioi viaggi di ritorno dalla sua casa paterna ne ha portati alcuni che a me non hanno mai fatto impressione (o destato curiosità) perchè io li ho sempre visti in giro. Certo è che ora, a ritrovali nei musei un po' rimango stupita.

Così, una domenica pomeriggio a casa di mia mamma c'è stato un vero e proprio shooting fotografico dove ho immortalato in tutta la loro età e bellezza gli utensili da cucina dei miei bisnonni.

Il ferro da stiro, che conteneva la brace e che stirava sotto il sue peso rovente lenzuola di lino grezzo.



Il bollitore dell'acqua, grande perchè la famiglia di mia nonna era numeosa.


La caffettiera.


E due utensili assolutamente indispensabili per poter fare il caffè.

Il macinino.


E l'attrezzo per tostare i chicchi di caffè 


Che abbiamo trovato pieno di grani d'epoca e che presto sarà sottoposto ad accurato restauro.

Questo post entra naturalmente in raccolta. Vi ricordo che questa è l'ultima settimana per partecipare: su su su vi aspetto!


Commenti

  1. Sono reperti storici e affettivi importanti! Sono stupendi! Tienili preziosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Patricia, non in bella mostra in camera da pranzo

      Elimina
  2. WOW, ma che bella carrellata.
    Io adoro 'ste cose.

    RispondiElimina
  3. Affascinanti utensili ricchi di storie...
    Ti lascio un piccolo riconoscimento, senza impegno ^_^
    Mi fa piacere se passi...Maris
    https://leghirlande.blogspot.it/2017/09/la-ghirlanda-di-pigne-e-foglie-per-il.html?showComment=1506433251734

    RispondiElimina
  4. Bellissimi questi oggetti d' epoca lontana

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.