Passa ai contenuti principali

Di antiche cucine e attrezzi della nonna


Quando mia nonna mi raccontava che nella cucina di casa sua, in un piccolo paese sul Gernargentu, c'era un grande camino nel quale lei e le sue sorelle si rintanavano per scaldarsi io mica riuscivo a immaginarmelo.

Cioè, non riuscivo a immaginarmi di poter entrare dentro a un camino. L'ho dovuto scoprire a 41 anni nel Museo della civiltà Solandra  a Malè dove un camino del genere è ricostruito, per rendermi conto, per focalizzare, i racconti di mia nonna.



E ho capito anche che alla fin fine la montagna è sempre montagna, sia che si trovi in Trentino o nel centro della Sardegna: la necessità di scaldarsi intorno al focolare era la stessa e i focolari stessi, molto probabilmente si assomigliavano tutti.
D'altra parte si assomigliavano molto anche gli arnesi da cucina.

Mia nonna nei suioi viaggi di ritorno dalla sua casa paterna ne ha portati alcuni che a me non hanno mai fatto impressione (o destato curiosità) perchè io li ho sempre visti in giro. Certo è che ora, a ritrovali nei musei un po' rimango stupita.

Così, una domenica pomeriggio a casa di mia mamma c'è stato un vero e proprio shooting fotografico dove ho immortalato in tutta la loro età e bellezza gli utensili da cucina dei miei bisnonni.

Il ferro da stiro, che conteneva la brace e che stirava sotto il sue peso rovente lenzuola di lino grezzo.



Il bollitore dell'acqua, grande perchè la famiglia di mia nonna era numeosa.


La caffettiera.


E due utensili assolutamente indispensabili per poter fare il caffè.

Il macinino.


E l'attrezzo per tostare i chicchi di caffè 


Che abbiamo trovato pieno di grani d'epoca e che presto sarà sottoposto ad accurato restauro.

Questo post entra naturalmente in raccolta. Vi ricordo che questa è l'ultima settimana per partecipare: su su su vi aspetto!


Commenti

  1. Sono reperti storici e affettivi importanti! Sono stupendi! Tienili preziosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Patricia, non in bella mostra in camera da pranzo

      Elimina
  2. WOW, ma che bella carrellata.
    Io adoro 'ste cose.

    RispondiElimina
  3. Affascinanti utensili ricchi di storie...
    Ti lascio un piccolo riconoscimento, senza impegno ^_^
    Mi fa piacere se passi...Maris
    https://leghirlande.blogspot.it/2017/09/la-ghirlanda-di-pigne-e-foglie-per-il.html?showComment=1506433251734

    RispondiElimina
  4. Bellissimi questi oggetti d' epoca lontana

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,