Passa ai contenuti principali

Di antiche cucine e attrezzi della nonna


Quando mia nonna mi raccontava che nella cucina di casa sua, in un piccolo paese sul Gernargentu, c'era un grande camino nel quale lei e le sue sorelle si rintanavano per scaldarsi io mica riuscivo a immaginarmelo.

Cioè, non riuscivo a immaginarmi di poter entrare dentro a un camino. L'ho dovuto scoprire a 41 anni nel Museo della civiltà Solandra  a Malè dove un camino del genere è ricostruito, per rendermi conto, per focalizzare, i racconti di mia nonna.



E ho capito anche che alla fin fine la montagna è sempre montagna, sia che si trovi in Trentino o nel centro della Sardegna: la necessità di scaldarsi intorno al focolare era la stessa e i focolari stessi, molto probabilmente si assomigliavano tutti.
D'altra parte si assomigliavano molto anche gli arnesi da cucina.

Mia nonna nei suioi viaggi di ritorno dalla sua casa paterna ne ha portati alcuni che a me non hanno mai fatto impressione (o destato curiosità) perchè io li ho sempre visti in giro. Certo è che ora, a ritrovali nei musei un po' rimango stupita.

Così, una domenica pomeriggio a casa di mia mamma c'è stato un vero e proprio shooting fotografico dove ho immortalato in tutta la loro età e bellezza gli utensili da cucina dei miei bisnonni.

Il ferro da stiro, che conteneva la brace e che stirava sotto il sue peso rovente lenzuola di lino grezzo.



Il bollitore dell'acqua, grande perchè la famiglia di mia nonna era numeosa.


La caffettiera.


E due utensili assolutamente indispensabili per poter fare il caffè.

Il macinino.


E l'attrezzo per tostare i chicchi di caffè 


Che abbiamo trovato pieno di grani d'epoca e che presto sarà sottoposto ad accurato restauro.

Questo post entra naturalmente in raccolta. Vi ricordo che questa è l'ultima settimana per partecipare: su su su vi aspetto!


Commenti

  1. Sono reperti storici e affettivi importanti! Sono stupendi! Tienili preziosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Patricia, non in bella mostra in camera da pranzo

      Elimina
  2. WOW, ma che bella carrellata.
    Io adoro 'ste cose.

    RispondiElimina
  3. Affascinanti utensili ricchi di storie...
    Ti lascio un piccolo riconoscimento, senza impegno ^_^
    Mi fa piacere se passi...Maris
    https://leghirlande.blogspot.it/2017/09/la-ghirlanda-di-pigne-e-foglie-per-il.html?showComment=1506433251734

    RispondiElimina
  4. Bellissimi questi oggetti d' epoca lontana

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…