Passa ai contenuti principali

Il circuito elettrico


Questo fine settimana abbiamo aperto la meravigliosa scatola del "Piccolo Chimico" e ci siamo messi a pasticciare, in cucina, lontani da occhi indiscreti...

Di esperimenti ne abbiamo fatti parecchi. Abbiamo fatto cagliare il latte, abbiamo fatto sprigionare anidride carbonica all'aceto, abbiamo mischiato acqua e farina... insomma ci siamo divertiti un bel po': io con sempre in mano il libretto degli esperimenti, l'Ometto con provette e co.

Poi, a un certo punto è arrivata la richiesta: "mamma facciamo quell'esperimento che ti permette di creare i cristalli?"

Ecco. Io mi diverto a fare tutto tranne che a mischiare polverine e reaggenti. Sarà perchè al liceo avevo un professore si scienze alternativo che ci ha fabbricato una bomba in laboratorio e l'ha fatta esplodere nella cappa, sarà che sono rimasta un tantino traumatizzata... ma preferisco evitare di mischiare polverine colorate nella mia cucina.


Per fortuna il libretto del comando ce lo avevo in mano io e quindi ho detto "no, niente cristalli! Si fa un impianto elettrico".

Sull'impianto elettrico mi sento un tantino più sicura che alle scuole medie facevamo spegnere e accendere lampadine che era una meraviglia!

Per fortuna mia l'Ometto si è subito convinto e abbiamo cominciato a lavorare.

L'esperimento prevedeva di var passare il filo rosso (attaccato a un polo positivo) in un bicchiere d'acqua. In pratica avevamo due cavetti rossi: uno da far passare dal porta batterie all'acqua e uno dall'acqua alla lampadina. Il filo blu, invece andava diretto dal polo negativo alla lampadina.

Le istruzioni parlavano chiaro: non far toccare i due fili tra loro e non metterli entrambi nel bicchiere dell'acqua pena esplosione.

Perfetto!

Ricontrolliamo tutti gli attacchi, che non si sa mai. Corriamo a tirare giù la serranda che la luce è piccina sia mai che si accende e noi non ce ne accorgiamo. Spingiamo la luce e...

Buio.

"Mamma non funziona, qui non si accende niente!"

"Amore tocca ricontrollare gli attacchi, che magari quando abbiamo messo i morsetti i fili si sono spostati"

Riproviamo

Buio.

"Mamma ma non è che nel porta batterie dobbiamo mettere anche le pile?"
...
Questo passaggio il libretto di istruzioni lo dava per scontato!
Per la cronaca l'esperimento scientifico voleva far vedere che la luce sui accendeva solo con l'acqua mineralizzata. Se infatti avessimo messo nel bicchiere l'acqua che si usa per il ferro da stiro la lucina non si sarebbe accesa.
Noi siamo riusciti a fare di meglio però 😀

Abbiamo ancora parecchi esperimenti da provare...



Commenti

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,