Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Esploratore alla scoperta di Palazzo Conte Federico a Palermo


Palermo è una città strana, custodisce dei tesori nei post più incredibili. Va scandagliata bene, i suoi tesori vanno cercati con cura, ma quanto si riesce a trovarli la loro bellezza lascia veramente senza fiato.
Uno di questi è Palazzo Conte Federico. Il palazzo si trova tra lo storico mercato di Ballarò e il Palazzo Reale oggi sede della regione Sicilia.
Abbiamo scoperto la possibilità di visitare questo palazzo per caso, trovando indicazioni sul biglietto per entrare nella Chiesa del Gesù, dai Palermitani nota come Casa Professa. Anche questa chiesa è assolutamente da non perdere (...ma questo è un altro post!).


Il Palazzo Conte Federico è uno dei più vecchi e prestigiosi edifici di Palermo.
La parte più antica del palazzo è una torre arabo-normanna del XII secolo denominata "Torre di Scrigno", che era posta sopra le mura a difesa della città e ne costituiva anche l'accesso con la porta di Busuemi che lambiva uno dei bracci di mare che allora si inserivano nella città.

Ad accoglierci abbiamo trovato la padrona di casa che ci ha guidato alla scoperta della sua casa.


Insieme a noi, a visitare il palazzo c'era un'altra famiglia con un bambino della stessa età dell'Ometto. I due bambini avevano il compito importante di trovare gli indizi che il palazzo era realmente abitato e che non era un semplice museo.


Devo dire che di indizi i bambini ne hanno trovati parecchi e che questo espediente ha reso la visita anche per loro piccoli decisamente leggera e interessante.


Il Conte Federico è un discendente di Federico II di Svevia. Questo ramo della famiglia è sopravvissuto alla uccisione di tutti i discendenti di Federico II perchè risalente a un parente illegittimo.
Per me entrare nelle case degli altri è sempre fonte di curiosità. Immaginatevi, poi, entrare in una casa che custodisce, all'interno delle proprie mura una storia così lunga e importante.
Così mi diverto a immaginare valigie piene di abiti pronte per partire alla scoperta di nuovi luoghi.


Bottiglie piene di oli ed essenze.


Ho immaginato il rituale della vestizione prima di una gara di scherma.


E intanto salivamo le scale su per la torre normanna e ad attenderci c'era un salo con un lungo tavolo di legno e in un attimo mi è sembrato di finire in un'altra epoca...


Finita la visita al Palazzo Conte Federico, siamo tornati di nuovo in strada e dopo pochi metri ci siamo ritrovati sommersi dai colori, dalle voci e dagli odori di Ballarò.


Commenti

  1. Ma quanto bello è questo posto?

    RispondiElimina
  2. Che belle immagini Barbara, le ho guardate ed ho letto con piacere!
    Grazie per i semini, mi hai reso molto felice!!
    Maris

    RispondiElimina
  3. ciao! l'abbiamo visitato anche noi lo scorso aprile! concordo! palermo è una miniera sconfinata di tesori, non solo per gli occhi:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…