Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Esploratore alla mostra "Klimt Experience"

La curiosità di andare a vedere una mostra d'arte virtuale, lo devo ammette, era molta. Sia l'Ometto che io eravamo abbastanza scettici... insomma andare a vedere le opere di Klimt riprodotte su degli enormi teli ci è sembrata una cosa pazzesca, sicuramente una esperienza da non perdere.
E infatti non ce la siamo persa. Anche se io ho scelto un giorno da diluvio universale e ci siamo bagnati come pulcini siamo usciti dalla mostra carichi di entusiasmo.

Prima di andare ho pensato di preparare un po' l'Ometto per non lasciarlo del tutto in balia delle immagini.
Girovagando in rete ho trovato un canale youtube fantastico Artespolando e ho trovato proprio quello che mi serviva: vita e opere di Klimt in 10 punti.


Abbiamo visto il video insieme, anche se l'Ometto ha avuto da ridire perchè secondo lui gli stavo togliendo l'effetto sorpresa, e poi abbiamo preso l'autobus alla volta della mostra.

Prima di raccontarvi della mostra vorrei spendere due parole sul luogo in cui la mostra è ospitata l'Ospedale delle Donne che si trova in piazza San Giovanni in Laterano, a Roma, e che io avevo sempre scambiato per una chiesa, perchè la sua facciata è molto più simile a una chiesa che a un ospedale.



L'Ospedale delle Donne era il reparto maternità dell'antistante Ospedale del salvatore e fu costruito nel 1655 su progetto di Giovanni Antonio De Rossi.

L'arrivo, dicevo prima, è stato rocambolesco e sotto alla pioggia, ma è bastato entrare nell'edificio per varcare la porta del tempo.

Siamo stati letteralmente avvolti dalla musica e dalle immagini alte quasi quanto le mura dell'ospedale.

La visita si snoda su quattro sale.

La sala immersiva che ci ha accolti con i suoi grandi schermi.



La sala visul dove abbiamo visto prioettate pillore di biografia del pittore.



La sala degli specchi dove abbiamo perso il senso dell'orientamento, dove siamo entrati nell'opera d'arte, letteralmente.


E poi, per ultimo, la parte più emozionante, l'incontro con la realtà virtuale degli Oculus V.
In pratica ci siamo messi degli occhiali simili a una maschera da sub e abbiamo varcato le soglie della realtà virtuale.

E questa ultima esperienza è valsa la pena dell'acqua che ci siamo presi, del disagio di andare in giro con gli ombrelli e del fatto che siamo tornati a casa bagnati come pulcini!

Se passate per Roma la Klimt Experience è visitabile fino al 10 giugno.





Commenti

  1. Accidenti!!!! Deve essere stata un'esperienza notevole e un'emozione unica!
    E il giovanotto? Non ci racconta cosa ne pensa? :)

    RispondiElimina
  2. Ma che figata di mostra! Peccato essere così lontani!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.