Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Esploratore alla mostra "Klimt Experience"

La curiosità di andare a vedere una mostra d'arte virtuale, lo devo ammette, era molta. Sia l'Ometto che io eravamo abbastanza scettici... insomma andare a vedere le opere di Klimt riprodotte su degli enormi teli ci è sembrata una cosa pazzesca, sicuramente una esperienza da non perdere.
E infatti non ce la siamo persa. Anche se io ho scelto un giorno da diluvio universale e ci siamo bagnati come pulcini siamo usciti dalla mostra carichi di entusiasmo.

Prima di andare ho pensato di preparare un po' l'Ometto per non lasciarlo del tutto in balia delle immagini.
Girovagando in rete ho trovato un canale youtube fantastico Artespolando e ho trovato proprio quello che mi serviva: vita e opere di Klimt in 10 punti.


Abbiamo visto il video insieme, anche se l'Ometto ha avuto da ridire perchè secondo lui gli stavo togliendo l'effetto sorpresa, e poi abbiamo preso l'autobus alla volta della mostra.

Prima di raccontarvi della mostra vorrei spendere due parole sul luogo in cui la mostra è ospitata l'Ospedale delle Donne che si trova in piazza San Giovanni in Laterano, a Roma, e che io avevo sempre scambiato per una chiesa, perchè la sua facciata è molto più simile a una chiesa che a un ospedale.



L'Ospedale delle Donne era il reparto maternità dell'antistante Ospedale del salvatore e fu costruito nel 1655 su progetto di Giovanni Antonio De Rossi.

L'arrivo, dicevo prima, è stato rocambolesco e sotto alla pioggia, ma è bastato entrare nell'edificio per varcare la porta del tempo.

Siamo stati letteralmente avvolti dalla musica e dalle immagini alte quasi quanto le mura dell'ospedale.

La visita si snoda su quattro sale.

La sala immersiva che ci ha accolti con i suoi grandi schermi.



La sala visul dove abbiamo visto prioettate pillore di biografia del pittore.



La sala degli specchi dove abbiamo perso il senso dell'orientamento, dove siamo entrati nell'opera d'arte, letteralmente.


E poi, per ultimo, la parte più emozionante, l'incontro con la realtà virtuale degli Oculus V.
In pratica ci siamo messi degli occhiali simili a una maschera da sub e abbiamo varcato le soglie della realtà virtuale.

E questa ultima esperienza è valsa la pena dell'acqua che ci siamo presi, del disagio di andare in giro con gli ombrelli e del fatto che siamo tornati a casa bagnati come pulcini!

Se passate per Roma la Klimt Experience è visitabile fino al 10 giugno.





Commenti

  1. Accidenti!!!! Deve essere stata un'esperienza notevole e un'emozione unica!
    E il giovanotto? Non ci racconta cosa ne pensa? :)

    RispondiElimina
  2. Ma che figata di mostra! Peccato essere così lontani!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.