Passa ai contenuti principali

Di bambini, tecnologia e social network


"Mamma posso avere un canale Youtube? Me ne regali uno?"
"No"
"Come no! Perchè?"
"Perchè sei piccolo, perchè devi avere almeno 16 anni per poterne avere uno e perchè è pericoloso"
"Mamma ti prometto di non riprendermi mai la faccia".
"Senti facciamo un patto. Se tu utilizzi questi anni per imparare a fare video decenti, per imparare a montare video, per stabilire quale è il tuo programma, per stabilire di cosa vuoi parlare sul tuo canale, a 16 anni possiamo riparlarne".

A malincuore ha accettato la mia proposta.

Tutto ciò avveniva questo inverno e forse tra i suoi compagni è stato l'ìunico che avrebbe voluto un canale Youtube e che non è stato accontentato.

Ha cercato di corrompermi, di chiedermi in prestito il mio canale youtube, ma si è vergognato all'idea che i suoi video potessero essere contaminati con i miei... insomma alla fine si è rassegnato.
Per la Prima Comunione ha ricevuto in regalo una telecamera e ha cominciato a sperimentare l'arte estrema delle riprese video fatte mettendo la telecamera a testa in giù.

A settembre cominceremo a imparare a montare i nostri funny video (pensatemi che ne avrò bisogno!)...

Intanto io periodicamente mi faccio un giro sui canali Youtube dei suoi amichetti.

Tutto nella norma fino a qualche settimana fa quando una amichetta dell'Ometto mi mette la pulce nell'orecchio.
"Mamma di F. lo sai che X sul suo canale ha avuto commenti con parolacce? Io le ho lette ma mica te le posso riferire le parolacce".
E allora sono andata a vedere anche io. In pratica le parolacce arrivano tutte da un canale aperto a posta per scrivere commenti indesiderati.

Così ho ripreso l'argomento con l'Ometto.

"Sai che X ha avuto dei brutti commenti?"
"eh già, mamma, X ha degli haters..."
"Ecco, e ti pare normale?"
"No. Io li ho letti i commenti degli haters ma non te li posso ridire che sono parolacce"
"Ti pare che forse non avevo ragione a non farti aprire un canale Youtube?"
...
silenzio.

Ora, ditemi voi se è normale che bambini di 10 anni si debbano scontrare con persone non ben identificate che dicono loro parolacce in rete?
Fino a che punto possiamo consentire loro l'uso della tecnologia e l'accesso ai social network?
Fino a che punto possiamo controllarli?
Io qui comincio a essere un po' preoccupata.

Commenti

  1. Io credo che ci vogliano dei paletti purtroppo. Soprattutto mai lasciarli da soli sul web. Tra pedofili, bulli, pazzi scatenati e venditori di aria fritta eccetera il rischio è molto alto.
    Tenerli lontani completamente no ma stargli vicino quando sono sul web che sia un canale you tube o altro mi sembra il minimo.
    Il mondo sta andando alla deriva in tutti i sensi, purtroppo!
    Ciaooooo

    ps se ti interessa, se gli interessa forse è più giusto, puoi dirgli che la mia bambina ha avuto accesso ad internet "in solitaria" appena divenuta maggiorenne. Prima gestiva tutto il papà :)
    Giuro che è vero!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Patricia... Noi all'Ometto diciamo che il cellulare ce lo siamo comprati con i nostri soldi quando abbiamo cominciato a lavorare... vedessi la faccia che fa!!!

      Elimina
  2. Ne abbiamo già parlato e ribadisco il concetto.
    Non esiste, non esiste proprio.
    Il problema comunque non sono i bambini, sono i genitori deficienti.
    Anche il mio fa video. Ne fa una marea, ma li vedo solo io e suo padre.
    Non vengono condivisi con nessuno, ma nessuno proprio, perchè una cosa condivisa anche su Whatsup può arrivare ovunque e in mano a chiunque.
    Sul blog ho messo qualche sua foto, ma sempre di spalle e niente sui social.
    E poi non ci lamentiamo che i bambini spariscono ... io conosco gente che dei figli ha condiviso tutto e di più.
    Fra il resto recentemente ho letto che i figli, se non interpellati, possono anche denunciarti per non rispetto della privacy.
    E hanno ragione!
    Ovviamente non significa che io non gli faccia usare il tablet e non si guardi i video su youtube, ma lo fa quando e quanto dico io e con un account, che io controllo con il mio telefono.

    Quanto alla "bambina" della Patri ... bravi ai genitori!

    RispondiElimina
  3. Mio figlio ha solo due anni e mezzo, ma non sa nemmeno cosa sia un tablet. I suoi coetanei, invece, lo usano persino meglio di me.
    Spero di continuare ad educarlo alla semplicità, anche se la società mi remerà contro.
    Complimenti per il blog.
    Passa a trovarmi se ti va.
    Buona serata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.