Passa ai contenuti principali

Di estate, tende e girasoli

Avrei bisogno di tende nuove per la cucina, dissi qualche tempo fa alla genitrice...

Detto, fatto! Nel giro di qualche anno siamo riuscite a mettere in sieme, stoffa, matrice del ricamo e fili occhiali da vicino della giusta gradazione!
Certo, nel giro di qualche anno...mica penserete che coordinare due persone sia così veloce e rapido!

Prima di tutto le misure.
E qui è colpa mia, che mi scordavo sempre di prenderle, e poi, qualdo le prendevo di scriverle...insomma stabilire le misuere delle tende è stata una operazione laboriosa.
Poi il taglio della stoffa e non da ultimo il soggetto da ricamare e la tecnica.
Già perchè inizialmente doveva essere un disegno a punto croce che lentamente è diventato punto pieno e per magia il disegno si è quatruplicato sul telo della prima tendina.


Dettagli!
La mia raccomandazione alla genitrice è stata un'altra: "mi raccomando Mamma le tendine devono essere identiche e simmetriche...mi raccomando eh che se no passo a rirare via il filo".
Voi vi immaginate la reazione della genitrice vero??? Mi voleva strozzare con i due metri di stoffa che aveva a portata di mano! Non lo ha fatto solo perchè avrebbe rovinato l'orlo a giorno appena terminato e perchè in fonodo mi vuole bene.

Attualmente il lavoro procede bene ed è finita la prima tenda...per settembre la mia cucina avrà le tende nuove!!!

Con questo post partecipo a

https://squittydentrolarmadio.blogspot.com/2018/07/ispirazioni-co-43-giallo.html


Commenti

  1. se la prima è fatta...siamo a cavallo. a me sembrano perfette....che accoppiata vincente...complimenti a mamma veranente troppo belle!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca un solo mazzo di girasoli...forse per fine settembre ce la facciamo

      Elimina
  2. Sono molto belle, bravissima. Serena giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. W le mamme!!! ^_^ dai, con i tempi ci siamo, Barbara... alla mia ho chiesto circa 5 anni fa di mettere su un copridivano su misura e ancora discutiamo sul colore! eheheheh...

    Brave, brave, brave... :*

    RispondiElimina
  4. Idee chiare vedo!
    Beh, mi consolo. C'è chi è più lento di me!
    Buona continuazione di lavoro

    RispondiElimina
  5. Invece tra me e mia madre sono io quella che titubo, cincischio. E si battibeccare come è normale tra madre e figlia. Mi hai fatto sorridere. ��

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.