Passa ai contenuti principali

La mia #top5summer2018


Sono rientrata ieri dalle vacanze e sto cercando di mettere un po' d'ordine alle cose da fare.

Non sono mica tante eh? Giusto qualche lavatrice, qualche ora da dedicate alla tavola da stiro, le attività da programmare per due blog, la scuola dell'Ometto che sta per ricominciare...
I tutto questo marasma, ho cominciato a leggere un po' di podt in arretrato e mi sono imbattuta nell'iniziativa di Elisabetta Grafica #top5summer2018. Difficile rinunciare a rispondere alle sue domande e stilare così la mia #top5summer2018!


Ok mettetevi comodi che vi sto per svelare le mie preferenze per l'estate!!!

Scegli la colonna sonora della tua estate: una sola canzone, quella che maggiormente ti ricorda questa calda estate 2018


Facile, non ho avuto dubbi al riguardo! Una Vita in Vacanza è stata adottata da tutta la famiglia come canzone dell'estate.

Proponi un luogo del cuore da visitare, un posto che hai già visto, che ti ispira, che ti piace e che non vedi l'ora di rivedere. Può essere un luogo di villeggiatura ma, ancor meglio, una bellezza nascosta della tua città o nelle tue vicinanze, un itinerario nella tua zona, dietro l'angolo.

Vi propongo Concordia 2000, la campana della Pace a Plan de Corones che reca l'iscrizione latina "donet deus populis pacem".
La campana suona tutti i giorni a mezzogiorno, ma anche quando in un paese del mondo viene abolita la pena di morte oppure quando finisce una guerra.


Una frase, un motto (in inglese le chiamano "quots"), un pensiero che senti tuo e che sussurreresti all'orecchio di una persona cara per farla sorridere della vita.

Ahahah anche qui non ho ho dubbi!!!

<< Attenti al cane e alla padrona.Mordono!>>

Invita almeno un'altra persona a giocare insieme a noi!

Il tempo per giocare è agli sgoccioli e non voglio incastrare nessuno con così poco preavviso, quindi invito tutti, a patto che chi raccoglie la sfida mi avvisi!

Condividi sul tuo blog (se ne hai uno) e sui social questa iniziativa con #top5summer e, se ti fa piacere e ancora non lo sei, diventa mia follower!

E ora che io ho detto la mia, aspetto la vostra...intanto vado a condividere!!!

Commenti

  1. Grazie Barbara per aver partecipato al mio gioco estivo!Anche io sono rientrata da poco e ho cominciato con la serie infinita delle lavatrici... diciamo che "Una vita in vacanza" sarebbe il sogno di tutti e, così, si eviterebbe anche la valanga di panni da lavare, stendere e stirare al rientro!Particolare il luogo che proponi ed esilarante la frase!!!!Una volta mi è capitato di vedere un cartello con la stessa frase coronato da coltelli e pistole disegnate intorno: giuro, mi è venuta paura di stare solo davanti a quella porta!!! Un abbraccio Eli

    RispondiElimina
  2. Non mi pronuncio sulla musica, perché non so nemmeno di cosa stai parlando.
    Notevole la proposta del luogo.
    E sul fatto che tu morda.... ahahahahah... perché non sono stupita?
    Quanto alle attività del blog, cara Comare, meglio muovere il culo, che siamo già in ritardo!!!

    RispondiElimina
  3. Che bella la tua #top5summer. Il luogo che hai citato mi incuriosisce, pensare che quest'estate sono stata proprio 3 giorni in Val Pusteria e sarei stata proprio comoda... vorrà dire che ritornerò in zona per andare a vedere anche la Campana della pace :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,