Passa ai contenuti principali

Dolcetto o scherzetto? Come fare per non farsi trovare impreparati

Mancano poche ore ad Halloween e ammettetelo, ancora non avete preparato niente per gli spiritelli che verranno a bussare alla vostra porta!
Shhh non lo dite in giro, la notizia potrebbe ritorcersi contro di voi!
Io oggi ho cominciato a preparare la zucca che da qualche anno a casa mia non manca.
Non è certo un capolavoro ma meglio di così non potevo fare perchè ne ho comprata, senza rendermene conto, una un poco ammaccata quindi ho dovuto scavare un po'più del dovuto per togliere le parti marcite.


Ma le caramelle???
Lo so che ve lo state chiedendo! Non ci sta festa senza zuccherose caramelle!
E allora vi presento le mie zucchette con sorpresa.
Ora vi spiego come ho fatto.
Ho preso la carta velina arancione e l'ho tagliata in cerchi della dimensione di un piatto piano.
Per ogni cerchio di carta velina ho messo al centro un po' di caramelle
Ho poi chiuso la zucchetta con del nastro adesivo verde.

Io sono pronta e voi?

Commenti

  1. Soluzione simpatica e rapida!
    Io fatto nulla come al solito, è una festa che non mi piace proprio.

    RispondiElimina
  2. Ciao Barbara!
    Capito per caso qui sul tuo blog e non posso non farti i complimenti per tutta questa bella creatività! Volevo aggiungermi ai tuoi followers ma non riesco a capire come farlo! (Sì, sono relativamente nuova qui su Blogger e ancora devo capire alcune cose! ^^').
    Comunque la foto della zucca è bellissima, e queste zucchette altrettanto! :3 Adoro Halloween e mi piacerebbe tanto trascorrere questa festa in un paese anglofono per sentirla così come la percepiscono loro! :)
    Se ti può interessare, sul mio blog parlo di culture, tradizioni, archeologia, viaggi e lingue! Quindi ti aspetto molto volentieri!
    Nel frattempo ti auguro un ottimo fine settimana, un abbraccio!
    Diana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diana, benvenuta! In alto a sinistra trovi tre lineette. Vai lì e trovi i link per i canali social e per l'inscrizione come lettori fissi.

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.