Passa ai contenuti principali

Mi sono regalata una stella...



Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Poi la strada la trovi da te
Porta all'isola che non c'è



Alt! Fermi tutti! Già io mi perdo con facilità se le strade hanno un nome e se devo arrivare a un indirizzo preciso, figuriamo se devo seguire stelle senza nome, mi basta poco e mi ritrovo in un'altra galassia!


E se ogni stella avesse il suo nome? Non sarebbe tutto più facile? Mica solo per Peter Pan e i suoi amici, pensateci! Anche Pinocchio avrebbe la vita un tantino più semplice, che valla a trovare la stella dei desideri, se non sai neanche come si chiama! Per non parlare poi di tutte le fiabe sulle stelle.

E poi, guardare il cielo stellato è sempre una meraviglia e una fonte inesauribile di ispirazione.

Io ho un bellissimo ricordo di serate passate con il naso all'insù a vedere le stelle: uno spettacolo meraviglioso a poco prezzo, se ci pensate!

Ma lo sapete che cosa ho scoperto qualche giorno fa?
Ho scoperto che esiste un'anagrafe delle stelle e che si può dare nome alle stelle!
All'inizio ho pensato a una cosa un po' strampalata, lo ammetto. Poi però ci ho riflettuto bene ed è prevalso il mio animo megalomane: ho scelto la mia stella.

Ora vi spiego bene, perché tutto ha un senso e un significato.
Intanto è una operazione che si può fare tranquillamente da internet. 
Esistono molti siti che offrono questo servizio. Io ho usato Etoilez-Moi e mi sono trovata benissimo.

Il sito offre molti "pacchetti". Già, perché io la stella l'ho "battezzata" per me, ma volendo si può anche regalare. Lasciando stare i regali romantici per i fidanzati, a me l'idea di regalare una stella per un battesimo, non mi dispiace proprio, anzi! Sempre meglio una stella di una cosa inservibile.

Ritorniamo alla mia stella che se mi metto a parlare di regali inappropriati divago e perdo il filo.

Il pacchetto che ho scelto io è quello digitale "una stella cadente" e in meno di 24 ore ho ricevuto il certificato di battesimo della mia stella con il nome da me scelto, la mappa astronomica per localizzare la mia stellina, la scheda della costellazione e una poesia.





La Fenice, secondo la mitologia, è un uccello di fuoco che dopo la morte rinasce dalle proprie ceneri.

All'interno della costellazione della Fenice c'è una stella che si chiama "speranza", l'attesa fiduciosa di un futuro positivo.
Questo certificato riporta la data del 10 agosto, giornata di San Lorenzo nella quale si manifesta nel cielo il fenomeno delle stelle cadenti.

Volete battezzare anche voi la vostra stella? Cliccate sul banner!

Commenti

  1. Ma ADOROOOOOOO!!!!!! Voglio regalarle ai miei bimbi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È facilissimo io poi ho tutto stampato e messo al sicuro in una cartellina

      Elimina
  2. Alla fine hai ceduto ...
    Che dire? Rimango scettica ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine la curiosità ha avuto il sopravvento!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.