Passa ai contenuti principali

Mi sono regalata una stella...



Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Poi la strada la trovi da te
Porta all'isola che non c'è



Alt! Fermi tutti! Già io mi perdo con facilità se le strade hanno un nome e se devo arrivare a un indirizzo preciso, figuriamo se devo seguire stelle senza nome, mi basta poco e mi ritrovo in un'altra galassia!


E se ogni stella avesse il suo nome? Non sarebbe tutto più facile? Mica solo per Peter Pan e i suoi amici, pensateci! Anche Pinocchio avrebbe la vita un tantino più semplice, che valla a trovare la stella dei desideri, se non sai neanche come si chiama! Per non parlare poi di tutte le fiabe sulle stelle.

E poi, guardare il cielo stellato è sempre una meraviglia e una fonte inesauribile di ispirazione.

Io ho un bellissimo ricordo di serate passate con il naso all'insù a vedere le stelle: uno spettacolo meraviglioso a poco prezzo, se ci pensate!

Ma lo sapete che cosa ho scoperto qualche giorno fa?
Ho scoperto che esiste un'anagrafe delle stelle e che si può dare nome alle stelle!
All'inizio ho pensato a una cosa un po' strampalata, lo ammetto. Poi però ci ho riflettuto bene ed è prevalso il mio animo megalomane: ho scelto la mia stella.

Ora vi spiego bene, perché tutto ha un senso e un significato.
Intanto è una operazione che si può fare tranquillamente da internet. 
Esistono molti siti che offrono questo servizio. Io ho usato Etoilez-Moi e mi sono trovata benissimo.

Il sito offre molti "pacchetti". Già, perché io la stella l'ho "battezzata" per me, ma volendo si può anche regalare. Lasciando stare i regali romantici per i fidanzati, a me l'idea di regalare una stella per un battesimo, non mi dispiace proprio, anzi! Sempre meglio una stella di una cosa inservibile.

Ritorniamo alla mia stella che se mi metto a parlare di regali inappropriati divago e perdo il filo.

Il pacchetto che ho scelto io è quello digitale "una stella cadente" e in meno di 24 ore ho ricevuto il certificato di battesimo della mia stella con il nome da me scelto, la mappa astronomica per localizzare la mia stellina, la scheda della costellazione e una poesia.





La Fenice, secondo la mitologia, è un uccello di fuoco che dopo la morte rinasce dalle proprie ceneri.

All'interno della costellazione della Fenice c'è una stella che si chiama "speranza", l'attesa fiduciosa di un futuro positivo.
Questo certificato riporta la data del 10 agosto, giornata di San Lorenzo nella quale si manifesta nel cielo il fenomeno delle stelle cadenti.

Volete battezzare anche voi la vostra stella? Cliccate sul banner!

Commenti

  1. Ma ADOROOOOOOO!!!!!! Voglio regalarle ai miei bimbi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È facilissimo io poi ho tutto stampato e messo al sicuro in una cartellina

      Elimina
  2. Alla fine hai ceduto ...
    Che dire? Rimango scettica ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine la curiosità ha avuto il sopravvento!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…