Passa ai contenuti principali

La nuova vita di un vecchio trumeau


Sono in piena fase di rivoluzione creativa e a farne le spese, questa vola, sono la mia casa virtuale e la mia casa reale.
Ma andiamo per ordine.
Ci eravamo lasciati con l'apertura del nuovo blog Alla ricerca della creatività che sta piano piano diventando la nuova casa dei miei post di Ispirazioninfiera.
La nuova casa sta prendendo forma e sono anche contenta del risultato e mi sta venendo l'ansia di finire velocemente di fare il trasbordo perché ospiterà presto storie nuove e nuove scoperte.

Poi c'è la mia casa reale, quella che devo pulire e accudire che se no mi diventa una stalla!
Anche qui è arrivato il mio attacco di rivoluzione creativa.
Questa volta ha colpito i mobili...
Niente panico non ho buttato niente e, anzi, sono anche soddisfatta del mio lavoro.
Cosa ho fatto?
Ho dato una bella sistemata a questo vecchio trumeau.


L'ho svuotato completamente e ho eliminato una vecchia fodera che ricopriva il fondo e i ripiani.
La missione però non era ancora finita.


Mi sono armata di alcool denaturato e panno e ho dato una bella pulita e sgrassata.
Poi ho cominciato a passare la cera all'interno del mobile e sui ripiani.
Il cambiamento è stato incredibile!
Ho riempito la parte alta del mobile con i bicchieri a calice (del servizio semi-buono).


Ora, non contenta, ho messo mano anche a un vecchio baule, ma poiché era piuttosto rovinato, il lavoro è stato più lungo e ancora non ho finito di sistemarlo.

Ancora un po' di pazienza e ve lo farò vedere!

Commenti

  1. Wowww, è bellissimo, dovrei fare la stessa cosa con una cassettiera, seguirò le tue istruzioni. Grazie mille.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa! Poi facci vedere il risultato del tuo restauro eh!

      Elimina
  2. ehm... ci sarei anch'io da restaurare.. mi prenoto????? ahhahahahahahaha
    Battuta a parte hai fatto un gran bel lavoro!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo lavoro, sei stata molto paziente. Anch'io dovrei rifare a nuovo un comò di mia bisnonna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta. Ho tolto una quantità di chiodi che neanche te lo immagini!!!

      Elimina
  4. Sì, però, non sei stata onesta con i tuoi lettori, perché non hai mostrato loro le chicche, che ci stavano dentro e che hai mostrato a me !!!!!
    Ma dimmi, dove le hai messe?


    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…