Passa ai contenuti principali

La nuova vita di un vecchio trumeau


Sono in piena fase di rivoluzione creativa e a farne le spese, questa vola, sono la mia casa virtuale e la mia casa reale.
Ma andiamo per ordine.
Ci eravamo lasciati con l'apertura del nuovo blog Alla ricerca della creatività che sta piano piano diventando la nuova casa dei miei post di Ispirazioninfiera.
La nuova casa sta prendendo forma e sono anche contenta del risultato e mi sta venendo l'ansia di finire velocemente di fare il trasbordo perché ospiterà presto storie nuove e nuove scoperte.

Poi c'è la mia casa reale, quella che devo pulire e accudire che se no mi diventa una stalla!
Anche qui è arrivato il mio attacco di rivoluzione creativa.
Questa volta ha colpito i mobili...
Niente panico non ho buttato niente e, anzi, sono anche soddisfatta del mio lavoro.
Cosa ho fatto?
Ho dato una bella sistemata a questo vecchio trumeau.


L'ho svuotato completamente e ho eliminato una vecchia fodera che ricopriva il fondo e i ripiani.
La missione però non era ancora finita.


Mi sono armata di alcool denaturato e panno e ho dato una bella pulita e sgrassata.
Poi ho cominciato a passare la cera all'interno del mobile e sui ripiani.
Il cambiamento è stato incredibile!
Ho riempito la parte alta del mobile con i bicchieri a calice (del servizio semi-buono).


Ora, non contenta, ho messo mano anche a un vecchio baule, ma poiché era piuttosto rovinato, il lavoro è stato più lungo e ancora non ho finito di sistemarlo.

Ancora un po' di pazienza e ve lo farò vedere!

Commenti

  1. Wowww, è bellissimo, dovrei fare la stessa cosa con una cassettiera, seguirò le tue istruzioni. Grazie mille.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa! Poi facci vedere il risultato del tuo restauro eh!

      Elimina
  2. ehm... ci sarei anch'io da restaurare.. mi prenoto????? ahhahahahahahaha
    Battuta a parte hai fatto un gran bel lavoro!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo lavoro, sei stata molto paziente. Anch'io dovrei rifare a nuovo un comò di mia bisnonna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta. Ho tolto una quantità di chiodi che neanche te lo immagini!!!

      Elimina
  4. Sì, però, non sei stata onesta con i tuoi lettori, perché non hai mostrato loro le chicche, che ci stavano dentro e che hai mostrato a me !!!!!
    Ma dimmi, dove le hai messe?


    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.