Passa ai contenuti principali

Deka Merone, La leggenda del Drago Marrone

Fatale è stata la lettura, da parte mia, dell'ultimo libro di Diario di una Schiappa.
Ve lo ricordate? Era stato il libro oggetto di scambio per l'iniziativa di Federica "Regala un libro Per Natale". Ebbene all'Ometto è piaciuto talmente tanto che mi ha obbligato a leggerlo.
Ecco. Errore fatale per lui. Il mio responso è stato: "cucciolo basta con la Schiappa, è arrivato il momento di leggere cose scritte un tantino meglio e con una prosa un po' più articolata".
La storia è carina, devo ammetterlo, e pure divertente, però il livello di lettura di un bambino di 10 anni che è un forte lettore e che ama leggere, non può essere quello del diario.

Così ho offerto all'Ometto una alternativa, un libro che ho trovato girovagando alla fiera della piccola e media editoria Più Libri Più Liberi.


Sono stata attratta dal titolo, devo ammetterlo, ma poi è stata anche piacevole la chiacchierata che ho fatto con uno degli autori del libro e che si è conclusa con una bella dedica per l'Ometto.

L'impianto dell'opera è semplice. Il libro altro non è che la rivisitazione, o per meglio dire, la riscrittura in chiave fantasy di uno dei caposaldi della letteratura italiana: il Decameron di Boccacio.
La città di Florenzia è devastata dalla peste e, per cercare di risolvere la situazione un druido, due nani, una giullare, una mutaforma, una paladina, una mezzorca, una sacerdotessa un bardo e un monco si recano dal Drago Marrone. Il Drago è molto arrabbiato con gli esseri umani per la loro cattiveria. I dodici che nell'epoca d'oro della pace ai draghi piaceva molto ascoltare le storie degli umani. Così decisero di raccontare ognuno una storia al Drago Marrone, sperando di riuscire a convincerlo a non distruggere il mondo.
Io non ve lo dico come va a finire il libro, nè vi dico quali storie sono state raccontate.
Vi basti sapere che il libro all'Ometto è piaciuto molto si è divertito, ma su quest non avevo dubbi, perchè sono state rivisitate le più belle e divertenti novelle del Decameron, ha imparato qualche cosa (almeno lo spero) e ha affrontato una prosa notevolmente più complessa, ma non per questo più noiosa, rispetto a quelle che aveva affrontato fino ad ora.



Commenti

  1. Prendo appunti! Il pargolo sta imparando ma, aimè, è ancora poco interessato alla lettura :(( Nonostante io mi sia prodigata a regalargli per Natale le avventure di Capitan Mutanda che lui adora.

    RispondiElimina
  2. Irene leggete insieme! Più che altro leggi tu a voce alta. Forte Capitan Mutanda!!!

    RispondiElimina
  3. Interessante il Decameron sullo sfondo, però non mi piace proprio il genere fantasy. Questa volta passo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fantasy è solo un "pretesto" per legare insieme le novelle.
      Insomma. Anzichè ritrovarsi tutti in una casa a raccontarsi le storie per passare il periodo della pestilenza, qui ci sta una variegata delegazione che va dal drago responsabile della pestilenza. Per il resto le novelle sono solo scritte in un italiano contemporaneo e quindi più facilmente leggibili

      Elimina
  4. Wow!!! Grazie mille per il suggerimento!! Il mio Nano potrebbe apprezzare molto!!! Corro a cercarlo! :)
    A presto
    Lulù

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro