Passa ai contenuti principali

insieme raccontiamo 43: il rientro

 
Finalmente riesco a partecipare di nuovo a Insieme Raccontiamo! Per troppi, troppissimi mesi mi è sfuggito questo appuntamento. 
Spero che Patricia mi perdonerà e spero per i prossimi mesi di essere più costante.

Ora bando alle ciance!
Questo è l'incipit di Patricia
 
Il rientro. O forse no?

Stava tornando. O forse no? Non ne era sicura. Di certo a casa sua l’UCAS funzionava alla grande! L’Ufficio Complicazioni Affari Semplici si era stabilito in pianta stabile al suo domicilio e non si scrostava più.
Sapeva che i suoi amici avrebbero avuto pazienza ma fino a quando? Doveva loro una spiegazione sulla sua presenza sempre più scarsa.
 
 
Che io ho continuato così.
 
Avrebbe potuto mettere in giro la storia degli alieni, quelli che piombano di notte in camera da letto e ti risucchiano con un raggio luminoso. Dire che era stata rapita di notte e che aveva faticato, e non poco, per sottrarsi alle loro grinfie. Un po' troppo complicato e poi sicuramente ci sarebbero state troppe domande. Avrebbe trovato sicuramente qualche appassionato degli UFO che le avrebbe fatto il terzo grado su astyronavi e simili. Troppo rischiso, non sarebbe stata in grado di reggere la bugia. E poi chi ci avrebbe creduto?
No no, si sarebbe dovuta inventare qualche cosa di più plausibile.
Un po' meno cinematografica, magari una scusa un po' più letteraria. Tipo che se ne era andata a fare un giro con Alice nel Paese delle Meraviglie! Oppure che si era aggregata a Doroty.

No, ci sono! Ecco cosa avrebbe dovuto dire agli amici. Avrebbe dovuto dire di avere un nuovo lavoro che la teneva ahimè troppo impegnata per dedicare del tempo alla scrittura: l'avevano promossa a capo dell'UCAS.
Questa mi sembra la cosa migliore, senza dare ulteriori spiegazioni. Superfluo spiegare cosa sia l'UCAS. Fa sempre un discreto effetto dire di essere stati promossi a capo di qualche cosa...
 
Con questo post partecipo a 
 

Commenti

  1. Complimenti. Io come sempre partecipo direttamente sul suo blog. 👏🏻👏🏻👏🏻
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Ho visto ma cerco di non leggere prima i finali degli altri che se no mi incasinato e non mi viene più in mente niente di originale

      Elimina
  2. E se fosse stata veramente rapita dagli UFO??? O-O...
    ahahahahhahahahah... bellissimo finale, Barbara... è vero, dire di essere diventati capo di qualcosa è sempre un deterrente da qualsiasi rimprovero di assenza :P

    RispondiElimina
  3. Noooooooooooooooooo! L'UCAS noooooooooooooooo!!!!! E' già troppo complicata la vita ahahahahahahahha
    Brava Barbarella! E bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pat io sono membro onorario dell'UCAS sin dalle scuole elementari!!!

      Elimina
  4. Ma tu non sei una che si agita troppo, però, anzi sei una che tendi a semplificare. Non ti riconosco in questo ruolo.
    Sempre bella l'iniziativa di Pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni e anni di studio per uscire dalle grinfie dell'UCAS!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…