Passa ai contenuti principali

Di sedie quasi nuove dove è vietato sedersi


Continuano i lavori di restyling degli oggetti di casa mia. Così dopo il tavolino e il baule ora vi racconto di come ho dato nuova vita alle sedie della camera da letto.
Ho deciso questa volta di non cambiare colore alla struttura ma di rifoderare le sedie usando per entrambe la stessa stoffa.
Per il lavoro mi sono fatta aiutare da mia mamma perchè una delle sedie era anche un po' sfondata e da sola non avrei proprio saputo dove mettere le mani.
Così, le mie mani e il mio tempo li ho impiegati a togliere chiodi...quando si parla di soddisfazioni!!!
Comunque un po' di cose le ho imparate!
Prima di tutto la lista.


Materiali occorrenti
  • martello
  • chiodi da tappezziere
  • colla a caldo
  • forbici
  • spago
  • ago ricurvo
  • cinghia di iuta per sedie
  • stoffa da tappezzeria
  • tela bianca
  • passamaneria
Procedimento
La prima cosa da fare è togliere via il vecchio. Quindi armatevi di tanta pazienza e cominciate a togliere chiodi, stoffa e cinghe vecchie.


A questo punto avrete una sedia ancora più mal ridotta di prima, ma sicuramente pronta ad accogliere i cambiamenti.
Prima di tutto va cambiata la stoffa: bisogna quindi tagliarla e inchiodarla alla sedia.
Poi, bisogna rimettere le cinghie che tengono su le molle. Quattro cinghie per ogni sedia fermate da chiodi.


A questo punto, e non prima,  le molle vanno incastrate sotto le cinghie e cucite a esse con lo spago.
E la sedia si può considerare pronta. Per rifinire il lavoro, tuttavia, è bene incollarare una tela bianca sul fondo della sedia per nascondere cinghie e molle.


Ecco pronte due sedie quasi nuove sulle quali è severamente vietato sedersi!

Già, perchè le sedie sono datate e si rischia di far saltare di nuovo le molle e io non ho nessuna intenzione di passare altri due giorni a togliere chiodi vecchi!!!

PS: si ringrazia la genitrice per aver contribuito in maniera significativa al restauro delle sedie e per aver prestato le sue mani per le foro!

Commenti

  1. Cavoli che lavorone! Bravissima!
    Il risultato è veramente stupendo!
    Adesso basta solo che nessuno si sieda!😉
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. Un lavoro fatto benissimo e le sedie sono nuove, complimenti. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. 'azz... ma io dove stavo, quando hai fatto tutto questo?
    Le possibilità sono due... O non mi hai parlato delle sedie, che mi pare improbabile, visto che ci sentiamo tutti i giorni, oppure sono io assolutamente rincoglionita ed ho rimosso questo lavoro.
    Ho letto e sono proprio caduta dal pero.... 😂😂😂
    Comunque figata colossale questa! È un lavoro che mi manca!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.