Passa ai contenuti principali

Confettura di zucca

La voglia di pasticciare nasce spesso dall'esigenza di consumare le materie prime.
Alle volte perché non si ha più posto dove conservarle, perché l'impulso di shopping creativo ci porta spesso a comprare tanto materiale che rimane inutilizzato a lungo; a volte perché si tratta di materie prime deperibili. In questo ultimo caso bisogna sbrigarci a trovare la soluzione adatta!
A me è successa proprio questa seconda ipotesi con una bella zucca regalatami da una amica.
Mi pace cucinare la zucca, mi piace anche mangiarla...ma non posso mica portarla in tavola per una settimana intera.
Che fare allora? Pulirla e congelarla?

Questa è una delle ipotesi per risolvere velocemente il problema, ma già ho una zucca nel congelatore, due mi sono sembrate eccessive!
Così mi sono messa su internet a cercare di risolvere il mio problema ...  e naturalmente ho trovato la soluzione!
Con la zucca si può fare la confettura!!!
Buona, dal gusto delicato, ideale per crostate o da mangiare spalmata su fette biscottate.
Naturalmente ho provato anche io a realizzarla e ora vi spiego come ho fatto.
Ingredienti:
  • Zucca
  • Zucchero
  • Zenzero
  • Pectina
Procedimento
Il procedimento, in realtà, è un po' lungo. Per prima cosa bisogna pulire bene la zucca, tagliarla e pesarla.
Per ogni chilo di zucca pulita occorrono 300 grammi di zucchero. La zucca pulita e tagliata va messa a dimora, insieme allo zucchero, in un contenitore per almeno 3 ore. Io l'ho lasciata un giorno intero alla fine del quale la zucca rilascia tutta la sua acqua.
A questo punto comincia la seconda fase.
Tutto il contenuto del contenitore (acqua, zucca e zucchero) con l'aggiunta di una spolverata di zenzero, va versato un una pentola e messo sul fuoco. 
Ogni tanto va controllato e girato perché è già presente lo zucchero e rischiate di bruciare tutto. 
Man mano che cuoce, l'acqua diminuisce e la zucca si caramella.
Una volta ben caramellata, ho tolto la pentola dal fuoco e con un mixer a immersione ho frullato tutto, aggiunto la pectina e rimesso tutto sul fuoco per 5 minuti continuando sempre a girare. 
Non vi so dare tempi certi per la prima parte della cottura perché sono andata a occhio e mi sono scordata di guardare l'orologio prima di cominciare!
Dopo i 5 minuti dall'inserimento della pectina, ho versato la confettura nei vasetti di vetro, li ho chiusi, li ho capovolti e ho aspettato che la confettura si freddasse.
Intanto, con un cucchiaino, ho raschiato la pentola e ho assaggiato il mio esperimento! 
Aspetto di avere occasione di provarla su una crostata, ma la "prova cucchiaino" è stata superata!

Commenti

  1. Ma che buona la confettura di zucca!
    Ottima con un pezzettino di zenzero!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il momento mi sono limitata a raschiare la pentola! Aspetto una buona occasione per fare una crostata!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…