Passa ai contenuti principali

Christmas Boots per decorare il Natale


Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale. 

Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola. 

Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie. 

Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere. 

San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al mattino.

La storia della buona azione di Nicola venne scoperta e si diffuse rapidamente contribuendo a legare la figura del santo alla protezione dei bambini. Con essa, però, si diffuse anche la tradizione della calza. Si dice, infatti, che da allora molti bambini cominciarono ad appenderne una al proprio camino. Sperando, così, che San Nicola avrebbe fatto loro visita riempiendola con dei doni. 

Quest'anno ho voluto provare anche io a realizzare una calza di Natale, ma l'ho voluto fare in scala ridotta in modo da poterla usare o come decorazione da appendere sull'albero, oppure come segnaposto per la tavola di Natale.

Ora vi spiego come ho fatto per realizzarla partendo, come al solito, dai materiali:

  • feltro sottile
  • ago e filo
  • passamaneria bianca
  • fiore
  • campanelline
  • spago bianco
  • dima a forma di calzino
  • colla a caldo
Ho trovato la dima a forma di calzino su pinterest, dove, tra le altre cose, ci sono un sacco di idee e di ispirazioni per realizzare i christmass boots.
Con l'aiuto della dima ho disegnato e poi ritagliato mi calzini sul foglio di feltro.
Ho unito le due parti e cucito a punto festone con il filo bianco.
A questo punto non mi rimaneva altro da fare che decorare il calzino.



Ho incollato la passamaneria, le campanelle e il fiorellino con la colla a caldo e decorato con un rametto di agrifoglio.


Con questo post partecipo a Reto Amistoso 143 organizzato da Ovillo de Eli






Commenti

  1. κλασική και υπέροχη !!! καλές γιορτές να έχουμε ...

    RispondiElimina
  2. Σας ευχαριστώ! καλώς ήρθατε σε αυτό το blog

    RispondiElimina
  3. Sembra una storia con molta fantasia, ma penso che sia molto bella. Tutto in queste date è pieno di speranza e buone intenzioni. Adoro il tuo stivale, penso che starà benissimo sull'albero di Natale

    RispondiElimina
  4. È un delizioso cappello a cilindro e perfetto da realizzare in un pomeriggio.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Que bonita te quedo la bota, me gustaron mucho los adornos que le pusiste.
    Besos

    RispondiElimina
  6. mi piace tanto! complementi per il bellissimo lavoro fatto.

    RispondiElimina
  7. Ficou maravilhosa, belissima! Beijos

    RispondiElimina
  8. This is such a beautiful ornament or Christmas tree decoration. I absolutely love the holly flower you used to enhance the Christmas feel.
    Great choice!
    Greetings from Toronto, Canada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you so mutch! You are welcome in my blog!

      Elimina
  9. Qué bonita!! Un gran adorno para ti árbol.

    Besos 💋💋💋

    RispondiElimina
  10. Me gusta muchisimo la bota de Navidad ,la adornado de manera muy elegante¡¡¡

    RispondiElimina
  11. Qué bonito le queda esa pasamanería y la flor. Una botita muy elegante!±

    RispondiElimina
  12. Ideal, el color no puede ser más navideño.
    Besos

    RispondiElimina
  13. Te ha quedado monísimo ese calcetín navideño. La historia me parece preciosa, nosotras dejábamos los zapatos para que nos dejarán los regalos los Reyes Magos porque cuando yo era pequeña solo venían los Reyes y el 6 de enero dejábamos los zapatos muy limpios en la ventana y unos dulces y un vaso de licor dulce para los Magos de Oriente. Una bonita tradición que intentamos mantener aun ahora que ya todos somos mayores, en estas fechas siempre nos hacemos un poco niños.
    Felicidades, besicos

    RispondiElimina
  14. Hermosa decoración!!!
    Saludos!!
    Gio

    RispondiElimina
  15. La calzette natalizie piacciono molto anche a me. Ne ho varie e di dimensioni e materiali diversi. Io, le faccio proprio per Natale, anche perché da me la Befana non passa. Da noi non si usa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro