Passa ai contenuti principali

Segnalibro pirografato

Tra le tante tecniche che ho provato in questi anni di blog ancora non ero arrivata a sperimentare la pirografia.

I perchè sono tanti, primo fra tutti è che io non sono capace a disegnare e quindi mi sono tenuta sempre piuttosto lontana da tutto ciò che poiteva avcvicinarsi al disegno e poi, cosa fondamentale, non avevo un pirografo.

Il primo ostacolo è stato superato dall'età e dalla pratica. Non è che io invecchiando sia diventata brava a disegnare, piuttosto ho scoperto che alcune cose riesco a disegnarle senza che il risultato sia proprio pessimo: poche cose, elementari, ma mi accontento.

Per quanto riguarda il pirografo devo ringraziare una mia amica che me lo ha regalato.

Il primo tentativo di pirografia è stato pessimo perchè io, giustamente, ho letto un po' di tutorial dopo aver pasticciato su una tavoletta di legno e non prima!

Ho subito scoperto che il legno deve essere perfettamente liscio per facilitare il tratto (che poi il legno brucia ugualmente, ma se il legno non è liscio la punta non scorre via bene e il tratto ne risente). Naturalmente non ho nessuna intenzione di farvi vedere il risultato.

Accantonato il primo esperimento ho provato di nuovo su uno stecchetto di legno.

Ho cercato su Pinterest qualche disegno stretto, lungo e facile da realizzare e ,dopo un po' di esperimenti, ho deciso di disegnare due semplici rami con al centro un cuoricino.

Ho riportato il disegno sullo stecco e l'ho pirografato.

Ho poi dato un tocco di colore al cuoricino, ho bucato una delle due estremità del bastoncino e ho inserito un nastrino blu.

Che ve ne pare? Aspetto consigli e suggerimenti 😘

Con questo post partecipo al PickPin di Maggio di Betta




Commenti

  1. Io l'esperimento precedente l'ho visto e non era male, considerando le tue capacità nel disegno (che sono nulle come le mie!). Ad ogni modo hai ottenuto un risultato gradevole con uno sforzo minimo! Non possiamo essere tutti Giotto, dobbiamo anche saperci accontentare! Gli stecchi tipo gelato poi si prestano a mille possibilità! Continua a sperimentare, mai mollare!

    RispondiElimina
  2. Il segnalibro è carino, devi ancora perfezionare la tecnica ma non c'è male- Ciaooo

    RispondiElimina
  3. Barbara, me identifico contigo, yo no sé dibujar pero aprendí a calcar imágenes.

    Has sido muy habilidosa dibujando con el pirograbador...un detalle muy original .
    Tengo pirograbador sin estrenar...no sé cuando 🤷

    BESOS

    RispondiElimina
  4. Ciao Barbara hai fatto bene a sperimentare pure io qualche anno fa ho voluto sperimentare ad usare il pirografia il primo tentativo non mi ha convinto ...ma poi con un po' di pratica è stato divertente vedrai che ti darà tante soddisfazioni un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Ti assicuro che lavorare col pirografo NON è affatto semplice!! Sei stata bravissima anche perchè l'hai fatto a mano libera!!!!
    Anch'io mi sono cimentata nel lavorare il legno e dopo aver avuto la 'brillante' idea di scrivere sui manici ROTONDI ho capito che dovevo un'altra strada.
    Mi sono venuti in aiuto i timbri, così prima ho fatto la timbrata col tampone marrone per poi passare sopra col pirografo! ^__^
    GRAZIE di cuore per aver partecipato alla mia iniziativa #PickPin2022
    Kissssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
  6. I primi tentativi sono sempre più goffi ma vedo un bel risultato.
    Con la pratica migliorerai....non è uno strumento facile da usare.
    Molti bravi per il tuo lavoro.
    Baci dalla Spagna

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro