Passa ai contenuti principali

Di casette di legno e dei tanti esperimenti


 "Buon pomeriggio a tutti. Mi presento: sono la casetta sghemba della Pasticciona che è proprietaria di questo blog.

Ho cambiato colore 3 volte, il tetto mi è stato rifatto per due volte e la Pasticciona è talmente tanto pasticciona da aver fatto le finestre usando il pirografo rendendole così indelebili.

Alla fine sono sopravvissuta ai suoi mille ripensamenti e non sono venuta poi così male. 

Mi chiedo solo perchè la pasticciona si sia messa a produrre casette"...

Vi va se vi racconto una storia?

C'erano una volta due amiche blogger (una delle due pare che si chiami Federica 🙊). 

A una delle due questa estate è venuta una idea.

"Ma sai che con gli scarti del legno si potrebbero fare delle casette? Ne ho viste su Pinterest di bellissime" disse ella.

"A me non piace fare casette" risposi io.

Però poi ella cominciò a mandarmi screeshot di casette bellissime e io cominciai ad appassionarmi tanto da aprire una bacheca su Pinterest.


Ma si sa che io non mi accontento mica di guardare e basta. A me alla fine viene sempre voglia di provare.

Ho raccattato un po' di legno nella casa in campagna e, una volta tornata a casa, mi sono messa all'opera e non è stato per niente facile.

Tanto per cominciare il colore: anzichè verde menta è uscito fuori un orrido verde prato, che io ho provato a coprire con scarsissimi risultati con il bianco.

Poi è arrivato il problema delle finestre, che sono difficilissime da fare, soprattutto se non hai idea di come farle e se non sei bravo con i pennelli e con i colori. Così ho pensato bene di prendere il pirografo e provare a pirografare due finestrelle minuscole su una superficie sulla quale avevo già pasticciato con i colori: non lo fate! 

Poi è arrivata Federica che mi ha detto "lava tutto sotto l'acqua corrente, fai asciugare e riprova!"

Così è nata la versione definitiva della mia casetta sghemba bruttina, ma alla quale sono molto affezionata!

Ho fatto anche altri esperimenti e ho realizzato altre casette una diversa dall'altra. Ognuna con una particolarità. Sono state molto più facili da realizzare e mi hanno dato anche loro molta soddisfazione.

Ve le farò vedere, una alla volta su instagram, qui invece vi voglio raccontare come ho fatto a relizzare i particolari delle mie composizioni. 

Commenti

  1. Dovevo immaginare ci fosse lo zampino di Federica 😂 sono carinissime !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi capire, Maria, che io parlo con Barbara più che con mio marito! E, ti garantisco, non è affatto una battuta! Facile che, ogni tanto ...... ahahahhahaha ......... ci si scambi qualche ideuzza qua e là ....

      Elimina
    2. Questa cosa delle casette è una specie di droga creativa🤪

      Elimina
  2. Si, però, che avevi fatto la bacheca su Pinterest mica lo sapevo!!! E perché non lo sapevo, scusa?

    RispondiElimina
  3. E secondo te come facevo a studiare tutte le casette? 😉

    RispondiElimina
  4. A mí me encanta tu casa🤩🤩🤩
    Tiene personalidad y también una historia que contar es por eso que la hace especial y única.
    Para mí lo más importante es el aprendizaje del proceso.

    BESOS

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s