Passa ai contenuti principali

#lineerette gennaio: partecipazione di nozze


 Oggi vi racconto del progetto al quale ho aderito in uno slancio di entusiasmo e che mi terrà impegnata per tutto il 2024: #lineerete.

Tutto nasce in un bellissimo gruppo Facebook che si chiama Carta in Dispensa la cui amministratrice, Cinzia Bianchi è anche proprietaria, insieme al marito dell'omonimo shop on line.

Che cosa è #lineerette? 
E' un progetto bellissimo, mensile, nel quale chi partecipa deve realizzare "proposte per eventi" (quindi partecipazioni, inviti, menù ringraziamenti ecc.). Unici vincoli sono: l'utilizzo esclusivo delle carte di carta in Dispensa, e l'utilizzo della busta con il colore del mese, i nomi dei festeggiati.

Carta in Dispensa mette a disposizione un kit gratuito, ogni mese diverso, con la busta e un ventaglio di carte con colori abbinati alla busta.

Deadline per la presentazione del progetto il 29 di ogni mese.

Qui finisce il post serio.
Perché lo so che vi sta venendo da ridere, lo so che vi state chiedendo cosa caspita mi sia venuto in mente. Che poi, oltre tutto nel gruppo ci sono sempre di progetti bellissimi, accuratissimi, e io sono una pasticciona e che l'unica partecipazione che ho realizzato è stata per il mio matrimonio 16 anni fa.

C'è solo un piccolo problema, non ho saputo resistere alla sfida!

Ascolta me, fidati!
Anche se non lo vedi, anche se non ci credi
Fai un atto di fede. Affidati e mettiti in gioco!
Gioca non restare a guardare!

Mi potevo sottrarre???
No. Ho chiesto subito di partecipare e ho messo nel carrello il kit di carte.
E poi ho cominciato a pensare a cosa realizzare e soprattutto a come fare a realizzare un progetto dignitoso.

Ho deciso di realizzare le partecipazioni di nozze di Renzo Tramaglino e Lucia Mondella, i due assoluti protagonisti di #lineerette. Sì, esatto, proprio loro: I Promessi Sposi!

Ho provato per quasi una settimana a fare finti timbri di ceralacca con la colla a caldo e con tutto quello che mi passava dalle mani. Poi ho desistito e ho optato per un più dignitoso cuore di legno

Il secondo grande problema è che io non ho una stampante a colori (e già questo avrebbe dovuto farmi desistere dal partecipare).

Ho deciso allora di giocare con i colori delle carte. In realtà avevo in mente anche di colorare parte dei fiori con i pastelli acquarellabili, ma non avevo messo in conto altri due piccolissimi problemi: la stampante non ha collaborato (la qualità della stampa non è stata alla altezza delle aspettative), i fiori sulla partecipazione sono venuti piccini e non ho voluto rischiare. Per ultimo, ho sbagliato a scrivere il cognome di Lucia! 

Fatta la partecipazione, la mia idea era quella di realizzare anche menù, segnaposto e tableau de mariage: troppo! Non tanto per le mie capacità (perché i progetto era pronto) quanto per la mia stampante che si è rifiutata di stampare su una carta di grammatura 200gr. facendola rimanere incastrata tra i rulli e, di conseguenza mandando all'aria il menù!

Ho quindi desistito. Per questa volta solo partecipazione e cono porta riso (realizzato con la carta che si è salvata dall'inceppamento della stampante). 

A questo giro ho pasticciato già abbastanza!

Per questa volta mi accontento, ma ho già in mente cosa preparare a febbraio...

stay tuned!!!

Commenti

  1. Per tuo matrimonio avevi a disposizione una squadra di lavoratori che ti ha curato i particolari, la scelta della carte e la scrittura a mano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima hai fatto bene a partecipare!

      Elimina
  2. Il tuo grande pregio è che non ti tiri mai indietro! Ammirazione ormai ultradecennale per questo!
    Tutto molto bello, però, dai ....una che ha fatto il classico sbaglia il cognome di Lucia? Ma non si può vedereeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!

    RispondiElimina
  3. Fede non si può né vedere né sentire....mi sono incasinataaaa

    RispondiElimina
  4. Mettersi in gioco in qualcosa che non si sa fare, penso che poi sia una bella soddisfazione. Complimenti, e per gli errori, sicuramente, la prossima volta starai più attenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta, per il progetto di febbraio ho già in mente come fare a rimediare a un po' di errori

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Il Gufo pasticcione

Il gufo è uno degli anomali che a me piacciono di più. Misateriosa creatura della notte, è da sempre sinonimo di saggezza. In molte delle culure antiche il gufo è considerato una figuras magica. Ad esempio, i nativi americani associavano il significato del gufo alla saggezza e al fatto di essere il guardiano di tutti i tipi di saperi. Questo si deve al fatto che questo uccello è un grande combattente contro le condizioni avverse del clima, ma soprattutto riesce a vedere di notte. In epoca medioevale nel centro Europa si diceva che questi animali fossero in realtà streghe e maghi. Da quel momento si considera questo animale come parte della famiglia delle streghe. E visto che io, di fatto, sono una strega saggia, ho deciso di realizzare un piccolo gufo da appendere al pomello di un cassetto della mia postazione craft. Ora vi racconto anche come ho fatto. Ho preso: una rondella di legno bianca (comprata chissà dove),  2 occhietti mobili 1 filo di corda giallo (di quelli che chiudono l

Mini ghirlanda con perline di legno

  Buongiorno! Partecipo anche questo mese al Resto Amistoso 162 organizzato questo mese da Ovillo de Eli .  Tema della challenge sono le perline e io mi sono affidata alle mia scorta di perle di legno. Vi dico subito che non era questo il progetto che avevo in mente e che ho provato a fare con scarsi risultati.  E così ho scelto il mio piano B, la ghirlanda di perle di legno. Un progetto semplice, veloce da realizzare ma che mi dà sempre tanta soddisfazione perché può essere personalizzato in molti modi.  Per realizzare la ghirlanda servono: Perline di legno Filo di ferro Nastrino colorato Ho infilato le perline nel filo di ferro che ho poi chiuso a cerchio con l'aiuto di una pinza. Ho decorato con del nastro colorato. Con questo post partecipo a 

Tutorial: come realizzare una ghirlanda di Pasqua

 Sono molto, molto contenta di farvi vedere la mia nuova creazione: la ghirlanda di Pasqua. Le giornate si sono allungate e, anche se continuano a rimanere freddine, l'aria di primavera comincia a sentirsi. Così io ho deciso di aprire la scatola delle cose ancora da fare e di tirare fuori un po' di materiale. Per questo progetto sono serviti: Ghirlanda di polistirolo 3 uova di polisitolo spago nastro di iuta ortensie essiccate merletto rosa colla a caldo Prima di tutto ho rivestito con lo spago le uova di polistirolo: due con lo spago marrone e una con lo spago bianco.  Ho poi rivestito la ghirlanda con il nastro di iuta e assemblato il tutto dando un tocco di colore con il merletto rosa. Vi lascio qui il video tutorial che potete trovare sui miei canali social. Fatemi sapere se vi è piaciuta e che cosa state realizzando voi per Pasqua!

Segnalibro pirografato

Tra le tante tecniche che ho provato in questi anni di blog ancora non ero arrivata a sperimentare la pirografia. I perchè sono tanti, primo fra tutti è che io non sono capace a disegnare e quindi mi sono tenuta sempre piuttosto lontana da tutto ciò che poiteva avcvicinarsi al disegno e poi, cosa fondamentale, non avevo un pirografo. Il primo ostacolo è stato superato dall'età e dalla pratica. Non è che io invecchiando sia diventata brava a disegnare, piuttosto ho scoperto che alcune cose riesco a disegnarle senza che il risultato sia proprio pessimo: poche cose, elementari, ma mi accontento. Per quanto riguarda il pirografo devo ringraziare una mia amica che me lo ha regalato. Il primo tentativo di pirografia è stato pessimo perchè io, giustamente, ho letto un po' di tutorial dopo aver pasticciato su una tavoletta di legno e non prima! Ho subito scoperto che il legno deve essere perfettamente liscio per facilitare il tratto (che poi il legno brucia ugualmente, ma se il legno n