Passa ai contenuti principali

ora di religione a scuola

Ora che il nostro primo anno di scuola materna è quasi finito posso cominciare a tirare un po' di somme (mi è concesso, vero?).
Quando abbiamo fatto domanda per l'iscrizione a scuola dello Gnomo, arrivati alla casellina che riguardava l'ora di religione abbiamo pensato trenta secondi, ci siamo guardati in faccia e abbiamo barrato la casellina del Sì. Tanto sono piccoli, che vuoi che gli insegnino, e poi perché toglierlo dal gruppo classe (?!).

Comunque fino a ora alla domanda "cosa avete fatto oggi con la maestra B" la risposta è stata il silenzio.
Niente, in tutti questi mesi lo Gnomo ha raccontato le sue avventure scolastiche, mi ha fatto rifare gli esercizi di psico-motricità, ma di quello che faceva nell'ora di religione, niente, neanche una parola.
Questo fino all'altro ieri. Due giorni fa, infatti, eravamo sul terrazzo a casa dei miei genitori a guardare le piante e la sua attenzione si è soffermata sulle piante grasse.
"Guarda mamma quante spine che ha questa pianta! E' come quella che coltiva Gesù, che a Gesù le piante con le spine servono!" "Certo Cucciolo, come no, così ci costruisce una bella corona" " Sì, sì mamma, una corona!".
Ma che racconta sta maestra ai nanetti?! E soprattutto che registro usa?! Secondo me il problema vero è sul modo in cui racconta le cose!!!
Ieri mi ha anche detto che Gesù beve la Coca Cola e che sta nella casetta del presepe pechè Giuseppe e Maria stanno in cucina a cucinare...
Chissà la prossima rivelazione sulla vita di Gesù quale sarà!!!!
Intanto io medito di parlare con la maestra per dirgli che i nanetti, secondo me, proprio non la seguono!

Commenti

  1. ...o forse è la maestra che ha paura di raccontare la verità...

    RispondiElimina
  2. Comunque sia arriva un messaggio distorto.

    RispondiElimina
  3. Mia Figlia due giorni fa mi ha chiesto: "Papà, perchè Gesù ci ha inventati?"

    RispondiElimina
  4. Fantastica!!! Ben arrivato Superpapà

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.