Passa ai contenuti principali

Impariamo viaggiando: che cos'è l'eco


Più diventa grande, lo Gnomo, e più diventa curioso e chiede spiegazioni. Siamo in piena fase del "perché" e del "che significa" e certe volte è veramente dura rispondere!

Questa estate siamo andati a fare una gita al Lago Santo.

Oltre a essere un lago molto bello ha anche una caratteristica: ha un' acustica eccezionale. Arrivati a metà del sentiero del lungolago in uno dei rari momenti in cui lo Gnomo è stato zitto, abbiamo sentito distintamente quello che si stavano dicendo due signore dall'altra parte del lago.

Stavo facendo notare allo Gnomo questa magia che ... BAM BAM BAM un signore ha fatto risuonare la sua voce in un formidabile eco.

La domanda è venuta da sé: "che cos'è questo rumore?" "perchè si sente questa voce così forte, che io ho anche un po' paura?!"

La risposta è stata immedia: "amore non ti preoccupare, questo è l' eco"

La successiva domanda non poteva che essere "e che cos'è l'eco?"

Pazienza, ci vuole pazienza per spiegare a un quasi bambino di tre anni e mezzo che cos'è l'effetto eco!!!

Questa è la definizione colta:


Ripetizione di un suono dovuta a riflessione dell'onda sonora da parte di un ostacolo verso l'ascoltatore; è interessante notare che si può verificare il fenomeno dell'eco quando la distanza tra la fonte sonora e la parete è 17 metri o maggiore.

Definizione che però abbiamo dovuto tradurre per cercare di farla capire al nostro treenne!

Ecco qui come abbiamo spiegato che l'eco allo Gnomo.

C'è un signore dall'altra  parte del lago che sta strillando BAM. Il signore dice Bam una volta sola il suono che tu senti dopo è la sua voce ripetuta. Attenzione però Gnomo, non c'è nessuno che ripete il suono è sempre uno che rimbalza sulle montagne.

La replica dello Gnomo è stata tragicomica: "ho capito dall'altra parte del lago c'è un signore che rimbalza tra le montagne strillando BAM" ... Abbiamo dovuto un po' aggiustare il tiro della spiegazione e alla fine la definizione di eco made in Gnomo è stata questa:
L'eco è una voce che rimbalza sulle montagne
Questa definizione gli è piaciuta talmente tanto che l'ha ripetuta una marea di volte e noi non sapeamo più come farlo tacere!!!

Con questo post partecipo a Impariamo Viaggiando 


Commenti

  1. Non ridere è stato un tormentone infinito!!!

    RispondiElimina
  2. a parte tutto trovo la montagna piena di insegnamenti per i bambini piu di altre località.

    RispondiElimina
  3. Ogni angolo della montagna è un posto nuovo e da scoprire,e forse è questo che la rende anche un posto "magico" per i bambini.

    RispondiElimina
  4. Molto interessante, sento ;) che mi sarà utile presto! eh eh

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.