Passa ai contenuti principali

Impariamo viaggiando: che cos'è l'eco


Più diventa grande, lo Gnomo, e più diventa curioso e chiede spiegazioni. Siamo in piena fase del "perché" e del "che significa" e certe volte è veramente dura rispondere!

Questa estate siamo andati a fare una gita al Lago Santo.

Oltre a essere un lago molto bello ha anche una caratteristica: ha un' acustica eccezionale. Arrivati a metà del sentiero del lungolago in uno dei rari momenti in cui lo Gnomo è stato zitto, abbiamo sentito distintamente quello che si stavano dicendo due signore dall'altra parte del lago.

Stavo facendo notare allo Gnomo questa magia che ... BAM BAM BAM un signore ha fatto risuonare la sua voce in un formidabile eco.

La domanda è venuta da sé: "che cos'è questo rumore?" "perchè si sente questa voce così forte, che io ho anche un po' paura?!"

La risposta è stata immedia: "amore non ti preoccupare, questo è l' eco"

La successiva domanda non poteva che essere "e che cos'è l'eco?"

Pazienza, ci vuole pazienza per spiegare a un quasi bambino di tre anni e mezzo che cos'è l'effetto eco!!!

Questa è la definizione colta:


Ripetizione di un suono dovuta a riflessione dell'onda sonora da parte di un ostacolo verso l'ascoltatore; è interessante notare che si può verificare il fenomeno dell'eco quando la distanza tra la fonte sonora e la parete è 17 metri o maggiore.

Definizione che però abbiamo dovuto tradurre per cercare di farla capire al nostro treenne!

Ecco qui come abbiamo spiegato che l'eco allo Gnomo.

C'è un signore dall'altra  parte del lago che sta strillando BAM. Il signore dice Bam una volta sola il suono che tu senti dopo è la sua voce ripetuta. Attenzione però Gnomo, non c'è nessuno che ripete il suono è sempre uno che rimbalza sulle montagne.

La replica dello Gnomo è stata tragicomica: "ho capito dall'altra parte del lago c'è un signore che rimbalza tra le montagne strillando BAM" ... Abbiamo dovuto un po' aggiustare il tiro della spiegazione e alla fine la definizione di eco made in Gnomo è stata questa:
L'eco è una voce che rimbalza sulle montagne
Questa definizione gli è piaciuta talmente tanto che l'ha ripetuta una marea di volte e noi non sapeamo più come farlo tacere!!!

Con questo post partecipo a Impariamo Viaggiando 


Commenti

  1. Non ridere è stato un tormentone infinito!!!

    RispondiElimina
  2. a parte tutto trovo la montagna piena di insegnamenti per i bambini piu di altre località.

    RispondiElimina
  3. Ogni angolo della montagna è un posto nuovo e da scoprire,e forse è questo che la rende anche un posto "magico" per i bambini.

    RispondiElimina
  4. Molto interessante, sento ;) che mi sarà utile presto! eh eh

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.