Passa ai contenuti principali

Ricordi dell'estate: acchiappasogni con le conchiglie


Qualche giorno fa Daniela del blog decoriciclo si chiedeva come fare a bucare le conchiglie. In molti, per fortuna, le sono venuti in aiuto. il consiglio ricorrente era quello di usare un chiodino.

Ho voluto provare anche io a bucare un po' di vongole che mio foglio si era fatto lavare e conservare. Si avete letto bene: vongole. Se non si ha la possibilità, o la voglia, di perlustrare in lungo e in largo la spiaggia per cercare le conchiglie, basta non buttare le conchiglie delle vongole: basta lavarle bene e poi lasciarle asciugare.
E così abbiamo fatto noi. 


Queste conchiglie sono particolarmente spesse e per bucarle non mi è bastato un chiodino: ho usato un punteruolo dalla punta sottile e un martello. Un solo colpo ed è venuto un foro perfetto. Ho rotto solamente una conchiglia, ma solo perché cercavo di ingrandire il buco già fatto.

Alcune conchiglie sono state colorate dallo Gnomo  con gli acquerelli. Io le ho mischiate a quelle lasciate al naturale.



Materiali occorrenti per l'acchiappasogni:

  • conchiglie - gusci di vongole
  • spago da cucina
  • punteruolo
  • martello
  • fil di ferro
  • bottiglia di plastica
Una volta bucate le conchiglie, ho tagliato tre pezzi abbastanza lunghi di spago e ho cominciato a infilarle. ho messo cerca 5 - 6 conchiglie per ogni pezzo di spago. Sotto ogni conchiglia ho fatto un nodino (per poterla fare rimanere sospesa).

Ho fatto, con l'aiuto di una bottiglia, un cerchio e l'ho decorato con lo spago che ho fatto passare sia intorno al cerchio che da una parte all'altra, per imitare una ragnatela (anche se questa cosa qui non è che mi sia venuta benissimo).


Ho poi fissato le tre collane di conchiglie con un nodo facendo passare il filo dentro il cerchio di fil di ferro.

Ho infine aggiustato la lunghezza dei fili tagliandoli poco al di sotto del nodo dell'ultima conchiglia.

Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina

Linky Party 2013

Commenti

  1. Che bello il tuo acchiappasogni! Ti ringrazio per la citazione; ho seguito i preziosi consigli che mi sono stati dati e ho provato sia con il chiodino, che va bene per quelle più sottili, che con il trapano con la punta sottile per quelle più grosse e spesse.
    A presto! =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu non avessi chiesto, io non mi sarei messa a bucare cocce di vongole e non sarebbe nato l'acchiappasogni ;)

      Elimina
  2. Che bella idea, mi piace molto. Besitos guapa.

    RispondiElimina
  3. Lo trovo bellissimo! Lo pinno subito sulla mia bacheca dei lavori estivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Grazie anche per l'ospitalità sulla tua bacheca!

      Elimina
  4. Che bello!
    Ho un po' di conchiglie che mi avanzano ....
    Ma è bellissima l'idea di usare le vongole se si è a corto di conchiglie
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  5. Ciao Norma. Se ci pensi bene le vongole sono conchiglie non levigate dal mare. Certo è poco poetico ma il risultato non si discosta molto!

    RispondiElimina
  6. Per trattenere i ricordi del mare di questa estate appena finita...carinissimo!

    RispondiElimina
  7. per bucare le conchiglie senza fare danni, basta prendere un pezzetto di carta vetrata sottile, passarla sulla parte superiore della conchiglia e il gioco è fatto. non si rompe niente. Provate e vedrete. è molto semplice e veloce

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…