Passa ai contenuti principali

Bomba di semi fai da te + vaso decorato

Allo Gnomo piace veder nascere le piante. Già l’anno scorso avevamo piantato semi di petunia e (miracolosamente) erano cresciute piantine che poi avevano fatto fiori che poi erano ridiventati semi.

E quest’anno ci riproviamo con un ‘idea un po’ diversa: una bomba di semi.

L’idea me l’ha data la mia BlogPal Norma e se andate a leggere il suo post troverete tutte spiegazioni sulle seed-bombs e sulla sua esperienza negli USA.

In città di solito non abbiamo a disposizione grandi spazi e la realizzazione della mia bomba di semi non è paragonabile a una seeb-bomb autentica, però rimane comunque un’idea regalo carina e istruttiva.

Vediamo allora i materiali occorrenti per la nostra seed-bomb casereccia

Ovatta
Lenticchie
Pezza di lino


Realizzazione: poggiamo un po’ di semi di lenticchie dentro all'ovatta facciamo, una pallina



Chiudiamo, poi, la pallina di ovatta dentro a una pezza di lino.


I semi di lenticchia germogliano nell'ovatta umida in 5 - 6 giorni. Quando vorremo usare la nostra bomba di semi non dovremo far altro che inumidire l’ovatta e aspettare.

Una volta che le le piantine saranno germogliate potremo mettere ovatta e germogli in un vaso di terra magari decorato da noi con pois colorati.




Ho scelto di usare i semi di lenticchia perché è una pianta del nostro territorio, perché in primavera ha una bella fioritura e perché avevo una busta di lenticchie aperta in dispensa.

La bomba di semi sarà uno dei regali del calendario dell’avvento di mio figlio.

Commenti

  1. cavoli interessante!!
    provo senz'altro!

    RispondiElimina
  2. Ma sei un genio!!!!! Ma dove le tiri fuori tutte 'ste idee? Più che altro dove trovi il tempo per fare tutto quello che fai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale genio! Dopo anni di blog e un bimbo curioso da intrattenere poi le idee vengono fuori! E comunque l'idea iniziale non è la mia ma della mia Blogpal Norma. E comunque io penso in macchina quando torno da lavorare, che tanto c'è traffico, si va piano e la strada è lunga ;)

      Elimina
  3. É un genio pure lei naturalmente, non la volevo dimenticare! Viva il traffico allora. No, direi di no. Io la macchina non la uso mai, mi muovo a piedi: tre minuti di coda mi fanno uscire di testa. Io penso di notte, come avrai intuito!

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazze, sono contenta che vi sia piaciuta la mia idea ma senza Barbara non si sarebbe mai tradotto nella nostra realtà dove gli spazi sono decisamente più ridotti. Mi piace moltissimo l'idea di regalarli nel calendario dell'Avvento, regalare semi è regalare vita, è bello che i bambini inizino a imparare che la Natura va curata e dopo darà tante soddisfazioni. Per me è invidia pura perché non ho proprio il pollice verde, riesco a far morire persino le piante grasse ed ho fatto perdere le foglie ad una pianta di plastica.
    Grazie Barbara per questa bellissima esperienza che mi ha permesso di conoscerti.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  5. Idea davvero carina, la pinno!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…