Passa ai contenuti principali

se fossi un uomo

Farei la guerra a colpi di pistola a caldo e di pennello e la pace con un bel ciambellone al cioccolato.


Sarei affascinante con i capelli brizzolati (al contrario mi direbbero che sono una strega).

Sarei lo scaldino dei piedi di mio marito (ma per fortuna sono io che ho i piedi freddi).

Se fossi un uomo e chiedessi una brugola, mi darebbero una brugola (invece a me hanno dato un cacciavite)

Se fossi un uomo e dicessi che si è rotto un tubo dell'acqua condominiale mi darebbero retta (e invece alla mia amica ingegnere l'hanno spernacchiata, ma aveva ragione lei!)

Se fossi un uomo e mi mettessi a dare disposizioni ai muratori questi ultimi mi starebbero a sentire (e non chiederebbero di parlare con l'architetto)

E invece sono donna e sono anche contenta di esserlo.
Vado in una ferramenta gestita da una donna. Monto i mobili componibili senza sudare sette camicie. Certo sarei più contenta se mi dessero una brugola quando la chiedo, ma non si può mica volere tutto vero?


Questo è un post spinoso sulla questione di genere. Se non stata un po' polemica ditemelo, che cercherò di esserlo anche di più ;)

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 dicembre

Commenti

  1. brucola?? io l'ho sempre chiamata brugola.....mah...magari nn sono la stessa cosa...magari è solo un cacciavite ahahahahha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione! Ho corretto il mio errore ;)

      Elimina
  2. E allora accontentati di tutto questo, brucola più brucola meno

    RispondiElimina
  3. Ahahahhha, divertente. Però non sono d'accordo su alcune cose .... quando avevo i lavori in casa gli operai mi stavano a sentire, eccome se lo facevano! Dipende anche come uno si pone di fronte a loro. E alle sedute condominiali ci vado sempre io ... e non sono ingegnere!!! Dici che mi sto trasformando in un uomo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere Squitty! Quella dei lavori a casa è una frase che si è sentita dire una mia amica ... come se poi non ci fossero anche architetti donne o_O

      Elimina
  4. Molto divertente e spesso veritiera!

    RispondiElimina
  5. troppo forte...ma noi lo sappiamo che siamo semrpe le migliori

    RispondiElimina
  6. Davvero divertente.
    Complimenti, ti dai proprio da fare, anche i mobili!
    Io ho fatto tutti i mobili della mia camera in mansarda partendo dalle assi di legno e tutta da sola, l'unica volta che mi ha aiutato mio marito, si fa per dire, sono finita al pronto soccorso con un dito trapanato
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico attrezzo che non uso è proprio il trapano! Mio marito di solito dirige i lavori ;)

      Elimina
  7. Troppo forte....e purtroppo vero.... dai, prova ad usare il trapano, se ce l'ho fatta io... =)
    Daniela

    RispondiElimina
  8. mi hai strappato una risata! grazie!

    RispondiElimina
  9. Hahaha! Mi hai fatto ridere con questa brugola! Hai ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sai lì per lì che nervoso che mi è venuto!

      Elimina
  10. ahahahah la storia della brugola è bellissima! ahahahah! ma come si fa,che nel 2013 ancora stiamo messe così?? :D e pensare che potrebbe andarci pure peggio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo messe malissimo e lo dimostrano anche gli altri post della staffetta!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…