Passa ai contenuti principali

Di Natale, di giochi e di regali


Sabato siamo andati in giro per negozi di giocattoli. Siamo andati prima nel negozio piccolo di giocattoli di legno e siamo rimasti tutti e tre incantati. Siamo andati poi nel negozio grande e ci siamo un po' smarriti.


La lettera che lo Gnomo ha scritto a Babbo Natale è scarna ed essenziale:
  1. casa dei Puffi
  2. casa di Peppa Pig
  3. un pezzo del trenino di legno

Ecco, fare un regalo allo Gnomo è difficile! Il bello è che io sono anche molto contenta! 
Lo Gnomo gioca con quello che ha a portata di mano senza troppe pretese di marchi e questo è un bene. Gioca con entusiasmo con il suo castello di cartone senza chiedere di averne uno più bello e anche questo mi piace.

Quello che io considero un bel risultato fatto di creatività, di giochi fatti insieme e di tempo dedicato sta diventando un'arma a doppio taglio!

Lo Gnomo ha bisogno di pochi giochi, sente la necessità di avere dei Play Set e vuole incrementare il suo treno....

Lo Gnomo festeggia il compleanno a Dicembre...

Si può sapere cosa possiamo regalargli per il compleanno e per Natale? Non abbiamo margini neanche per dare indicazioni ai parenti!!! 

Perché non ho un figlio che rimane incantato dalla pubblicità!

Perché se per il gioco gli occorre una casa se la costruisce con le costruzioni!

Intanto noi, a modo nostro (che io non ci so giocare, ma neanche lui) giochiamo a scacchi!!!

Commenti

  1. Che bello un bimbo così!
    Potresti regalargli scatoloni di cartone, scotch, pennarelli, colla.... =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho già inseriti nel calendario dell'avvento ;). A me piace la sua idea di gioco ... Però noi grandi siamo in crisi da regalo!!!

      Elimina
  2. Sei fortunata...ma anche bravissima perché se il tuo bimbo così' e' proprio merito del tempo e del' energia che gli hai dedicato! Per il compleanno potresti regalargli un' esperienza, non un gioco...che so?una giornata in un posto che desidera vedere o dove può' fare o vedere cose entusiasmanti...
    Sono curiosa di sapere come andrà' a finire!
    Miro'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace la tua idea di regalargli un'esperienza... ci penseremo su! Ma io sono contenta eh! Il fatto è che in queste circostanze vorrei avere un po' più di scelta ;)

      Elimina
  3. Bravo gnomo, ha già tutto quello che lo rende felice...una mamma che si dedica a lui, che può volere di più??? Ciao

    RispondiElimina
  4. Ma non ti lamenterai mica? Un bambino così è oro! In verità anche il mio è un inventore nato, crea cose assurde e non è per nulla interessato alla pubblicità. Anzi, gli ho insegnato a ridere della pubblicità e delle cose orrende che mostrano!!! Sarebbe molto più semplice lasciargli seguire la corrente e sicuramente molto meno faticoso, ma spero che a quindici anni riuscirà a pensare con la sua testa e non essere un caprone stupido che fa le cose, perché le fanno tutti. Continua così!

    RispondiElimina
  5. Squitty, ma chiedere una via di mezzo è troppo!?! Per il momento è interessato solo alle pubblicità dei film! Hai ragione, sarebbe sicuramente meno impegnativo. Ieri ho ordinato su internet una scatola di materiale creativo ... tanto per ribadire che pasticciando ci si diverte!!!

    RispondiElimina
  6. Ecco, continua a pasticciare. Lo faccio pure io. Mi auguro che, in questo modo, le probabilità di avere un figlio che non sa usare il cervello si riducano!!!! Perché questi poveri bambini sono letteralmente bombardati dalla pubblicità e da prodotti che ti fanno passare per indispensabili e che sono in verità da sottosviluppati mentali. Il tragico è che c'è chi li compra!!!! Non lamentiamoci, cara, che è meglio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però c'è anche chi, vorrebbe dedicare più tempo ai figli ma non può per via di orari di lavoro particolari, magari è soggetto a turnazioni o magari è pendolare. La pubblicità è pressante e concordo con te! Non demonizziamo tutti i giocattoli, però perché alcuni sono veramente carini e ben fatti e possono anche essere usati in autonomia dai bambini. L'importante è scegliere il giocattolo per l'età giusta e a seconda del carattere del bambino. Non comprerei mai un gioco che fa correre mio figlio per casa come un indemoniato semplicemente perché già corre di suo per casa come un indemoniato!!! sui videogiochi non mi pronuncio perché per scelta a casa nostra non sono ancora entrati.

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s