Passa ai contenuti principali

Di Natale, di giochi e di regali


Sabato siamo andati in giro per negozi di giocattoli. Siamo andati prima nel negozio piccolo di giocattoli di legno e siamo rimasti tutti e tre incantati. Siamo andati poi nel negozio grande e ci siamo un po' smarriti.


La lettera che lo Gnomo ha scritto a Babbo Natale è scarna ed essenziale:
  1. casa dei Puffi
  2. casa di Peppa Pig
  3. un pezzo del trenino di legno

Ecco, fare un regalo allo Gnomo è difficile! Il bello è che io sono anche molto contenta! 
Lo Gnomo gioca con quello che ha a portata di mano senza troppe pretese di marchi e questo è un bene. Gioca con entusiasmo con il suo castello di cartone senza chiedere di averne uno più bello e anche questo mi piace.

Quello che io considero un bel risultato fatto di creatività, di giochi fatti insieme e di tempo dedicato sta diventando un'arma a doppio taglio!

Lo Gnomo ha bisogno di pochi giochi, sente la necessità di avere dei Play Set e vuole incrementare il suo treno....

Lo Gnomo festeggia il compleanno a Dicembre...

Si può sapere cosa possiamo regalargli per il compleanno e per Natale? Non abbiamo margini neanche per dare indicazioni ai parenti!!! 

Perché non ho un figlio che rimane incantato dalla pubblicità!

Perché se per il gioco gli occorre una casa se la costruisce con le costruzioni!

Intanto noi, a modo nostro (che io non ci so giocare, ma neanche lui) giochiamo a scacchi!!!

Commenti

  1. Che bello un bimbo così!
    Potresti regalargli scatoloni di cartone, scotch, pennarelli, colla.... =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho già inseriti nel calendario dell'avvento ;). A me piace la sua idea di gioco ... Però noi grandi siamo in crisi da regalo!!!

      Elimina
  2. Sei fortunata...ma anche bravissima perché se il tuo bimbo così' e' proprio merito del tempo e del' energia che gli hai dedicato! Per il compleanno potresti regalargli un' esperienza, non un gioco...che so?una giornata in un posto che desidera vedere o dove può' fare o vedere cose entusiasmanti...
    Sono curiosa di sapere come andrà' a finire!
    Miro'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace la tua idea di regalargli un'esperienza... ci penseremo su! Ma io sono contenta eh! Il fatto è che in queste circostanze vorrei avere un po' più di scelta ;)

      Elimina
  3. Bravo gnomo, ha già tutto quello che lo rende felice...una mamma che si dedica a lui, che può volere di più??? Ciao

    RispondiElimina
  4. Ma non ti lamenterai mica? Un bambino così è oro! In verità anche il mio è un inventore nato, crea cose assurde e non è per nulla interessato alla pubblicità. Anzi, gli ho insegnato a ridere della pubblicità e delle cose orrende che mostrano!!! Sarebbe molto più semplice lasciargli seguire la corrente e sicuramente molto meno faticoso, ma spero che a quindici anni riuscirà a pensare con la sua testa e non essere un caprone stupido che fa le cose, perché le fanno tutti. Continua così!

    RispondiElimina
  5. Squitty, ma chiedere una via di mezzo è troppo!?! Per il momento è interessato solo alle pubblicità dei film! Hai ragione, sarebbe sicuramente meno impegnativo. Ieri ho ordinato su internet una scatola di materiale creativo ... tanto per ribadire che pasticciando ci si diverte!!!

    RispondiElimina
  6. Ecco, continua a pasticciare. Lo faccio pure io. Mi auguro che, in questo modo, le probabilità di avere un figlio che non sa usare il cervello si riducano!!!! Perché questi poveri bambini sono letteralmente bombardati dalla pubblicità e da prodotti che ti fanno passare per indispensabili e che sono in verità da sottosviluppati mentali. Il tragico è che c'è chi li compra!!!! Non lamentiamoci, cara, che è meglio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però c'è anche chi, vorrebbe dedicare più tempo ai figli ma non può per via di orari di lavoro particolari, magari è soggetto a turnazioni o magari è pendolare. La pubblicità è pressante e concordo con te! Non demonizziamo tutti i giocattoli, però perché alcuni sono veramente carini e ben fatti e possono anche essere usati in autonomia dai bambini. L'importante è scegliere il giocattolo per l'età giusta e a seconda del carattere del bambino. Non comprerei mai un gioco che fa correre mio figlio per casa come un indemoniato semplicemente perché già corre di suo per casa come un indemoniato!!! sui videogiochi non mi pronuncio perché per scelta a casa nostra non sono ancora entrati.

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.