Passa ai contenuti principali

La Villa del piccolo Ferdinando: una passeggiata tra i giardini di Villa Medici a Roma

 
Una notizia letta sul giornale: la possibilità di partecipare a visite guidate fatte a posta per i bambini. Non potevamo farci sfuggire questa opportunità soprattutto se la visita consisteva nell'andare in giro per i giardini di Villa Medici a Roma!

La villa è bellissima e i giardini sono tutta una scoperta!

La guida è stata bravissima a catturare l'attenzione dei bambini e farli interessare e divertire al tempo stesso.

Cosa c'è piaciuto di più?

Il gruppo scultoreo dei Niobidi ci ha lasciati senza parole!



Nella mitologia greca Niobe, sposa del re di Tebe Anfione e madre orgogliosa di sette figli e sette figlie, prese in giro Latona, che invece aveva generato soltanto Apollo e Artemide. Questi ultimi, per vendicarsi, uccisero i bambini a colpi di frecce. Niobe allora chiese e ottenne da Zeus di essere trasformata in una statua piangente.

I bambini, a turno, hanno giocato a diventare statue

Per concludere in bellezza abbiamo ammirato fiori bellissimi e rose profumatissime.



Una splendida vista su Roma ha salutato la nostra visita ai giardini di Villa Medici.



La prossima volta che torneremo sarà per visitare le stanze.

Con questo post partecipo a

 
 

Commenti

  1. Ecco un appuntamento che ho sempre rimandato... quando vivevo a Roma! Devo assolutamente recuperare. Magari ci andiamo insieme con i nostri due pargoli?
    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ritorno molto volentieri a Villa Medici...merita proprio!!!

      Elimina
  2. Bellissima. Non la conoscevo.
    Grazie per avercene parlato.

    RispondiElimina
  3. Ci sono stata due giorni a Roma ma non ho fatto in tempo a visitarla tutta. Penso ci vorrà tanto tempo è talmente bella e ricca che sarà impossibile .. grazie di avercene parlato Buona domenica

    RispondiElimina
  4. Quante cose ci sono a Roma... vale sempre la pena andare, non si finisce mai di visitare e scovare cose nuove, per poi stupirsi.
    Grazie anche per la leggenda mitologica.

    RispondiElimina
  5. Certo che le storie antiche o mitiche sono veramente tremende. Non per niente si chiamavano tragedie. Comunque le statue sono veramente affascinanti. Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.