Passa ai contenuti principali

La Villa del piccolo Ferdinando: una passeggiata tra i giardini di Villa Medici a Roma

 
Una notizia letta sul giornale: la possibilità di partecipare a visite guidate fatte a posta per i bambini. Non potevamo farci sfuggire questa opportunità soprattutto se la visita consisteva nell'andare in giro per i giardini di Villa Medici a Roma!

La villa è bellissima e i giardini sono tutta una scoperta!

La guida è stata bravissima a catturare l'attenzione dei bambini e farli interessare e divertire al tempo stesso.

Cosa c'è piaciuto di più?

Il gruppo scultoreo dei Niobidi ci ha lasciati senza parole!



Nella mitologia greca Niobe, sposa del re di Tebe Anfione e madre orgogliosa di sette figli e sette figlie, prese in giro Latona, che invece aveva generato soltanto Apollo e Artemide. Questi ultimi, per vendicarsi, uccisero i bambini a colpi di frecce. Niobe allora chiese e ottenne da Zeus di essere trasformata in una statua piangente.

I bambini, a turno, hanno giocato a diventare statue

Per concludere in bellezza abbiamo ammirato fiori bellissimi e rose profumatissime.



Una splendida vista su Roma ha salutato la nostra visita ai giardini di Villa Medici.



La prossima volta che torneremo sarà per visitare le stanze.

Con questo post partecipo a

 
 

Commenti

  1. Ecco un appuntamento che ho sempre rimandato... quando vivevo a Roma! Devo assolutamente recuperare. Magari ci andiamo insieme con i nostri due pargoli?
    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ritorno molto volentieri a Villa Medici...merita proprio!!!

      Elimina
  2. Bellissima. Non la conoscevo.
    Grazie per avercene parlato.

    RispondiElimina
  3. Ci sono stata due giorni a Roma ma non ho fatto in tempo a visitarla tutta. Penso ci vorrà tanto tempo è talmente bella e ricca che sarà impossibile .. grazie di avercene parlato Buona domenica

    RispondiElimina
  4. Quante cose ci sono a Roma... vale sempre la pena andare, non si finisce mai di visitare e scovare cose nuove, per poi stupirsi.
    Grazie anche per la leggenda mitologica.

    RispondiElimina
  5. Certo che le storie antiche o mitiche sono veramente tremende. Non per niente si chiamavano tragedie. Comunque le statue sono veramente affascinanti. Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…