Passa ai contenuti principali

Come preparare una caccia al tesoro casalinga



Ovvero come far divertire i bambini durante le feste senza che la libreria venga da loro trasformata in una parete per arrampicata libera.

Importantissimo è sapere il numero dei bambini che parteciperanno: il gioco è di tutti e per tutti, ogni bambino ha diritto al suo gioco e quindi anche la formazione delle squadre e il numero di bambini in ogni singola squadra non deve essere lasciato al caso.
Faccio un esempio che così forse riesco a spiegarmi meglio:

  • 15 bambini = 3 squadre da 5 = 3 giochi (uno per ogni bambino) più un gioco collettivo finale

I bambini sono tutti vincitori, è una festa non una gara all'ultimo sangue e la caccia al tesoro è un pretesto per farli divertire.

Ricapitolando, allora, per 20 bambini bisogna formare 4 squadre. Ma come fare senza creare malumori? Facendo, insindacabilmente, decidere a noi grandi!

Formazione delle squadre.

Il metodo più rapido, più sicuro per non farli litigare e per non vedere musi lunghi prima ancora di cominciare è usare la sorte.
Usiamo i colori: prepariamo foglietti di carta colorati da distribuire a sorte tra gli invitati.

E una volta formate le squadre...che il gioco abbia inizio!!!

Non può mancare una bella partita a bowling. Un giocatore per ogni squadra, tre tiri a giocatore e vince la squadra che butta giù più birilli!

Anche pescare è un gioco divertente e facilmente realizzabile in casa! Non è necessario avere a disposizione l'acqua, basta un po' di cartoncino colorato e il gioco è fatto! (prossimamente sul blog le istruzioni per realizzare questo gioco!)

E poi una bella attività creativa, che non fa mai male e che tiene impegnati a lungo i nostri bambini! Diamo a ogni squadra un po' di materiale creativo, qualche oggetto di riciclo (confezioni delle uova, tappi, bottoni, bottiglie di plastica) e stiamo a vedere che cosa combinano!

E per il gioco finale tutti seduti in cerchio a inventare una storia! Ogni bambino, a turno, deve dire una frase! Ne usciranno delle belle!!!

Commenti

  1. I bambini sono stupendi, ma tenerli a bada è un'impresa. Stimo tantissimo le maestre dell'asilo che lo fanno ogni giorno, bontà loro, io non ce la farei. Però vederli giocare felici è meraviglioso :)

    RispondiElimina
  2. Anche io le stimo tantissimo! Però ho tanta nostalgia delle feste in casa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s

Segnalibro pirografato

Tra le tante tecniche che ho provato in questi anni di blog ancora non ero arrivata a sperimentare la pirografia. I perchè sono tanti, primo fra tutti è che io non sono capace a disegnare e quindi mi sono tenuta sempre piuttosto lontana da tutto ciò che poiteva avcvicinarsi al disegno e poi, cosa fondamentale, non avevo un pirografo. Il primo ostacolo è stato superato dall'età e dalla pratica. Non è che io invecchiando sia diventata brava a disegnare, piuttosto ho scoperto che alcune cose riesco a disegnarle senza che il risultato sia proprio pessimo: poche cose, elementari, ma mi accontento. Per quanto riguarda il pirografo devo ringraziare una mia amica che me lo ha regalato. Il primo tentativo di pirografia è stato pessimo perchè io, giustamente, ho letto un po' di tutorial dopo aver pasticciato su una tavoletta di legno e non prima! Ho subito scoperto che il legno deve essere perfettamente liscio per facilitare il tratto (che poi il legno brucia ugualmente, ma se il legno n

Borsa con inserto a punto croce

  Siete pronti per andare in vacanza? Io quasi!  Ho giusto il tempo per mostrarvi la mia nuova borsa, molto capiente, che ho realizzato qualche tempo fa in collaborazione con mia madre, che ha cucito e assembrato tutto, io invece ho realizzato il ricamo. Questa tela è stata una dei miei primi acquisti su Wish e ho impiegato veramente tantissimo tempo per completare tutto il ricamo anche se la soddisfazione finale mi ha ripagato di tutto lo sforzo fatto.  Il disegno rappresenta la primavera e la miriade di colori e fiori che sbocciano in questa stagione.  Con tutto il caldo che fa in questi giorni io le temperature e i colori primaverili me li sto proprio sognando!!!