Passa ai contenuti principali

Il fiore che mi rappresenta è...


Tema floreale per questo giugno assolato . Un tema proprio giusto per me che ho il pollice nero e le piante mi muoiono tutte (figuriamoci i fiori).

E allora ho deciso che il fiore che mi rappresenta è un fiore nato da una pezza da spolvero con una trama una consistenza troppo bella per rimanere tale. Un fiore che in breve tempo è diventato una spilla, ma che in un tempo ancor minore poteva finire nella pattumiera!

Allora ho lavato la pezza, ho preso le forbici, ne ho tagliato una striscia e ho provato a tingerla con il thè. Forse il mio processo di tintura non è stato dei più ortodossi, ma il risultato è soddisfacente.

Ho riempito una tazza con l'acqua calda del rubinetto ho messo una bustina di thè e la striscia di stoffa in infusione per 30 minuti. Trascorsi i 30 minuti ho tolto la striscia l'ho strizzata a l'ho lasciata asciugare.


Contrariamente a quanto pensassi con il sole la stoffa si è leggermente scurita e ha raggiunto la tonalità da me immaginata.

Dal far diventare la striscia di stoffa un fiore il passo è stato breve: qualche arrotolamento, qualche punto di cucitura e il fiore è fatto.


I fiori che preferisco sono quelli che nascono per caso da mani operose che difficilmente riescono a stare ferme, ma che hanno bisogno di avere sempre in mano qualche lavoro da cominciare o da finire.

La staffetta continua! Passo il testimone ad Accidentaccio Arrivano i Bambini

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 mag

Commenti

  1. Ma che bello il tuo fiore!
    Un fiore sempre vivo, un pezzo di stoffa a cui hai dato nuova vita.
    E poi la colorazione è venuta benissimo.
    Complimenti
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  2. Originale ed interessante la tua interpretazione del tema. Voglio provare anche io a tingere così la stoffa.

    RispondiElimina
  3. Davvero geniale!
    Questo fiore poi va benissimo anche per quelli che non hanno il pollice verde ;)
    Brava

    RispondiElimina
  4. Ma che bella idea "riciclosa"!
    Come realizzare un bellissimo fiore da un pezzo di stoffa che altrimenti avrebbe fatto una "brutta fine"!
    Come spilla è perfetta!
    Un abbraccio Maria (anche io pollice nero, purtroppo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non hai idea di quante pezze ho da riciclare!!!

      Elimina
  5. Questa idea mi piace moltissimo, come riciclare un pezzo di stoffa altrimenti finito nella spazzatura....te la rubo l'idea assolutamente....

    RispondiElimina
  6. Bellissimo il tuo fiore. =)
    Dani

    RispondiElimina
  7. Un fiore che ti rappresenta davvero!
    Bellissimo nella sua semplicità!

    RispondiElimina
  8. Ciao! Bel post! Io dopo mesi sono finalmente ritornata a scrivere nel mio blog... Passa da me, se ti va!

    RispondiElimina
  9. Idea davvero originale e fiore oltremodo rappresentativo!! Bravissima! Scappo su "Accidentaccio arrivano i bambini"....a leggere il seguito! ;)

    RispondiElimina
  10. divertente.. il pollice nero è comune a molte! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi ho comprato una piantina grassa...voglio vedere quanto mi dura!!! ;)

      Elimina
  11. Eccolo qui l'esperimento di tintura! Beh, mi piace molto. Bello il colore e bella la trama della stoffa.

    RispondiElimina
  12. Bello il fiore e quel colore rende davvero molto. La tua interpretazione è molto originale e concordo con chi ha commentato sopra, il pezzo di stoffa ha preso nuova vita trasformandosi in un fiore... Se non è autentica bellezza questa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…