Passa ai contenuti principali

Il fiore che mi rappresenta è...


Tema floreale per questo giugno assolato . Un tema proprio giusto per me che ho il pollice nero e le piante mi muoiono tutte (figuriamoci i fiori).

E allora ho deciso che il fiore che mi rappresenta è un fiore nato da una pezza da spolvero con una trama una consistenza troppo bella per rimanere tale. Un fiore che in breve tempo è diventato una spilla, ma che in un tempo ancor minore poteva finire nella pattumiera!

Allora ho lavato la pezza, ho preso le forbici, ne ho tagliato una striscia e ho provato a tingerla con il thè. Forse il mio processo di tintura non è stato dei più ortodossi, ma il risultato è soddisfacente.

Ho riempito una tazza con l'acqua calda del rubinetto ho messo una bustina di thè e la striscia di stoffa in infusione per 30 minuti. Trascorsi i 30 minuti ho tolto la striscia l'ho strizzata a l'ho lasciata asciugare.


Contrariamente a quanto pensassi con il sole la stoffa si è leggermente scurita e ha raggiunto la tonalità da me immaginata.

Dal far diventare la striscia di stoffa un fiore il passo è stato breve: qualche arrotolamento, qualche punto di cucitura e il fiore è fatto.


I fiori che preferisco sono quelli che nascono per caso da mani operose che difficilmente riescono a stare ferme, ma che hanno bisogno di avere sempre in mano qualche lavoro da cominciare o da finire.

La staffetta continua! Passo il testimone ad Accidentaccio Arrivano i Bambini

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 mag

Commenti

  1. Ma che bello il tuo fiore!
    Un fiore sempre vivo, un pezzo di stoffa a cui hai dato nuova vita.
    E poi la colorazione è venuta benissimo.
    Complimenti
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  2. Originale ed interessante la tua interpretazione del tema. Voglio provare anche io a tingere così la stoffa.

    RispondiElimina
  3. Davvero geniale!
    Questo fiore poi va benissimo anche per quelli che non hanno il pollice verde ;)
    Brava

    RispondiElimina
  4. Ma che bella idea "riciclosa"!
    Come realizzare un bellissimo fiore da un pezzo di stoffa che altrimenti avrebbe fatto una "brutta fine"!
    Come spilla è perfetta!
    Un abbraccio Maria (anche io pollice nero, purtroppo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non hai idea di quante pezze ho da riciclare!!!

      Elimina
  5. Questa idea mi piace moltissimo, come riciclare un pezzo di stoffa altrimenti finito nella spazzatura....te la rubo l'idea assolutamente....

    RispondiElimina
  6. Bellissimo il tuo fiore. =)
    Dani

    RispondiElimina
  7. Un fiore che ti rappresenta davvero!
    Bellissimo nella sua semplicità!

    RispondiElimina
  8. Ciao! Bel post! Io dopo mesi sono finalmente ritornata a scrivere nel mio blog... Passa da me, se ti va!

    RispondiElimina
  9. Idea davvero originale e fiore oltremodo rappresentativo!! Bravissima! Scappo su "Accidentaccio arrivano i bambini"....a leggere il seguito! ;)

    RispondiElimina
  10. divertente.. il pollice nero è comune a molte! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi ho comprato una piantina grassa...voglio vedere quanto mi dura!!! ;)

      Elimina
  11. Eccolo qui l'esperimento di tintura! Beh, mi piace molto. Bello il colore e bella la trama della stoffa.

    RispondiElimina
  12. Bello il fiore e quel colore rende davvero molto. La tua interpretazione è molto originale e concordo con chi ha commentato sopra, il pezzo di stoffa ha preso nuova vita trasformandosi in un fiore... Se non è autentica bellezza questa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,