Passa ai contenuti principali

Casa dolce casa: regaliamo una casa costruita da noi alle bambole

Casa dolce casa.  Se questo concetto va bene per noi, calza a pennello anche per le bambole dei nostri figli. Per quelle belle perennemente in abiti da sera e per i mostriciattoli che affollano ogni angolo di casa (come nel mio caso).

E allora perché non costruire noi le case delle nostre bambole?!? 

Io ho fatto un giro nel web e ne ho trovate veramente di carine e anche di facile realizzazione. Ne ho selezionate un po' per voi prima di mettermi all'opera con l'Ometto per realizzare la casa dei mostri!

Possiamo usare il cartone per poi dipingerlo e decorarlo come hanno fatto Penso Invento Creo e Esprit Cabane



Oppure realizzate con un grande flacone di detersivo come viene mostrato in Useful Diy



Si può usare una vecchia libreria o più semplicemente delle scatole di legno



E voi? Avete già realizzato la vostra Doll House? Quale di queste vi piace di più?

Con questo post partecipo alla Staffetta di Blog In Blog.

Passo la parola a Un'altra cosa bella





Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 agosto






Commenti

  1. Che belle le case per le bambole.
    Io non ne ho mai fatte quando ero piccola perché non mi piaceva giocare con le bambole e poi ho avuto un figlio maschio per cui al massimo si faceva il box dove mettere le automobiline.
    Ma queste sono proprio carine
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  2. Anche io ho il figlio maschio però da piccola (e non ero epoi neanche tanto piccola) ne ho fatte, tante!!!

    RispondiElimina
  3. Dunque, a me piace molto l' ultima, quella blu, ma trovo interessante anche quella nel flacone del detersivo! Le uniche case che ho costruito io sono state quelle per i mici, ma il tuo post mi ha ricordato la cucina (vale uguale?) Che mi aveva costruito papà da bambina: una meraviglia !!!! Chissà che fine ha fatto!!

    RispondiElimina
  4. Ciao, bella la casa costruita con le scatole! La mia figlia femmina oramai ha 12 anni ma credo che per i maschietti potrei provare a farne una per i loro mostri con il flacone di detersivo....grazie per le belle idee!

    RispondiElimina
  5. La cucina costruita dal papà vale sempre!!! Anche a me piace molto quella blu!

    RispondiElimina
  6. Non dirlo a nessuno... io sto aspettando di finire il sapone liquido per la lavatrice per costruirne una anche io!!!

    RispondiElimina
  7. La casa delle bambole è un classico che è rimasto nel cuore a tutte noi. Io e mia sorella, invece della casa verticale sezionata, costruimmo un appartamento scoperchiato usando varie scatole delle scarpe senza coperchio. Tagliammo perfino le finestre e, tra le varie scatole, le porte apribili, in modo da passare da una stanza all'altra. Con il cartoncino costruimmo tutti i mobili interni, compreso (io, che ero un po' più grande) un cassettone con i cassetti che si aprivano davvero. Un lavoro certosino. Se penso alla brutta fine che ha fatto mi viene da piangere... La soddisfazione di costruire le cose con le proprie mani non ha prezzo.

    Mariangela

    P.S. Ti ho trovata attraverso il Linky Party di Alex.

    RispondiElimina
  8. La vostra casa doveva essere fantastica!!! Chissà quanto vi siete divertite a costruirla, prima, e a giocarci, poi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…