Passa ai contenuti principali

Casa dolce Casa


Poco prima di Pasqua abbiamo cambiato casa.
Quando lo Gnomo, alla vigilia del trasloco ci ha detto che oltre ai mobili, ai letti e ai giocattoli (tutti) ci saremmo dovuti portare dietro anche le pareti di casa,  la risposta è stata "non ti devi preoccupare la casa è qualsiasi posto dove siamo noi tre insieme". Lo Gnomo, così ha affrontato il primo trasloco della sua vita.


E alla nuova casa lui si è abituato subito. Ha ritrovato subito i suoi giochi e i suoi spazi (notevolmente più grandi rispetto a quelli della casa vecchia).

Noi invece, abbiamo messo un po' più di tempo a ritrovare i nostri spazi e i nostri tempi. Abbiamo avuto bisogno di personalizzare l'ambiente che ci circondava per renderlo veramente nostro. Per questo c'è voluto tempo, mesi, tra scatoloni da svuotare e cose messe via senza criterio e ora da ricercare.

Però alla fine ci siamo riusciti a rendere la casa nostra con ordine e disordine ben distribuiti.

Ci mancava solo un pizzico di personalizzazione in più e un po' di creatività (la mia) rimasta imprigionata dentro agli scatoloni.

In questi ultimi giorni la creatività è stata ritrovata e con essa anche quel po' di personalizzazione che mancava in casa mia!

La scorsa settimana il mare a lasciato i miei piedi un pezzo di legno e un ramo levigati. Li ho raccolti, li ho lasciati asciugare e ho deciso che sarebbero diventati presto una decorazione per la casa nuova.

Ho dipinto di bianco il legno e d'oro il ramo.
Intanto che la vernice asciugava ho preso un panetto di Das e ho cominciato a lavorarlo. Non so se capita solo a me, ma quando lavoro il Das mi sembra di ritornare bambina!
Dal Das sono nate tre casette dai tetti spioventi e dalle finestrelle quadrate. Le tre casette, una volta asciutte, le ho colorate con lo smalto delle unghie perché il mi intento era creare un contrasto tra il grezzo e bianco del legno e i colori lucidi e sgargianti delle casette.



Ho assemblato tutto con abbondante colla a caldo!

PS: nella casa nuova ho anche usato per la prima volta in vita mia il trapano e non ho fatto danni (non ancora) ;)!!!

Questo post partecipa alla staffetta Di Blog in Blog. Andiamo a leggere insieme che cosa a scritto Mammamari sul suo blog


Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 agosto


Commenti

  1. Anche per me la casa è dove c'è la famiglia, ho sviluppato anch'io quel tema.
    E' proprio bello personalizzare la casa, te la fa sentire più tua.
    Veramente belle le casettine, stanno proprio bene su quel legno.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Nora, la casa va vissuta tutta e personalizzata il più possibile!!!

      Elimina
  2. Eh si, la nostra casa è ancor più nostra se corrisponde alle nostre passioni, magari ben lontane dal design più ricercato, ma perfette perchè ci rappresentano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il design più ricercato è proprio il nostro ;)

      Elimina
  3. Ha fatto bene l'amica Pinkg a nominarti ..che blog fresco ed allegro( quello che mi serve ho trovato..) e poi lo" Gnomo" adorabile e filosofo nello stesso tempo..
    Hai una manualità da brividi ..beate te, io una frana su tutte le linee..
    Mi unisco volentieri e spero in un tuo gradito ricambio!
    Un abbraccio mattutino e grazie..
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti quanti complimenti, grazie di cuore!!! Benvenuta!!!!

      Elimina
  4. Mi piace la tua decorazione con le casette.
    Il das fa tornare bambini tutti quelli che ci giocano... o che lo annusano. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ha un odore molto intenso anche dopo giorni!!! ;P

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  6. Il Das fa tornare bambini davvero...e quelle deliziose casette..bella l'idea di usare lo smalto!
    Un saluto,buona serata
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è un materiale sottovalutato proprio perché molto usato nelle scuole primarie (almeno era molto usato quando ero piccola io)

      Elimina
  7. Bellissima e molto originale la tua creazione... le cose create con la propria fantasia (e manaulità) sono ciò che servono a personalizzare al meglio il luogo in cui uno vive!
    Con la nipotina abbiamo utilizzato lo smalto per creare gli acchiappasogni per le maestre ed il risultato è stato sorprendente ;-)
    Tante seren giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado a vedere gli acchiappasogni. Buona serata!

      Elimina
  8. Ma è bellissimo questo lavoretto!! Non vedo l'ora di andare in vacanza e farne uno così coi miei marmocchi, grazie per il suggerimento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io non vedo l'ora di vedere che cosa combinerete!!!

      Elimina
  9. Ciao, ti ringrazio molto per la visita...mi piace il tuo blog, ricco di spunti e di tante belle idee creative,come questo quadretto che è una delizia! Sarà un piacere seguirti!
    Buona giornata,
    Annarita

    RispondiElimina
  10. Geniale l'idea dello smalto sul dash e veramente bella la tua creazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'unico inconveniente è che alla fine casa mia aveva l'odore che c'è nelle carrozzerie!!!

      Elimina
  11. Ciao, ma che bella creazione! Mi piace un sacco :)

    RispondiElimina
  12. Ma sai che due anni fa, in Croazia, abbiamo trovato un pezzo di legno tipo questo, anche se di forma meno allungata?
    Naturalmente l'ho recuperato e l'ho portato nella nostra casetta in Val di Non .... l'ho preso in mano proprio la settimana scorsa, anche se l'idea ce l'ho in testa da sempre. Chissà se riuscirò a finirlo, attualmente sono troppo impegnata ad andare in giro!!!
    Posso fare la guastafeste? Perché non nascondi il gancetto dorato con un nastrino di qualche tipo? E' così bello il contrasto fra il filo di ferro e il legno .... quello stona proprio!!!

    RispondiElimina
  13. Federica non lo dire q nessuno... Ho staccato un quadro e ho appeso questo giusto il tempo della foto. La sua destinazione definitiva è la casa di campagna;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco ..... mi pareva ben strano!!! Non era proprio da te!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.