Passa ai contenuti principali

Riuso creativo: ghirlanda di natale con vecchi tovaglioli


Non potevo rinunciare all'appuntamento annuale  di riuso creativo che Linee Curve porta avanti già da cinque anni! 

Questa è la settimana europea per la riduzione dei rifiuti e qui sul blog sono in pieno clima di preparazione al Natale. Perché allora non unire le due cose?


Da una recente risistemazione delle tovaglie ho trovato tantissimi tovaglioli di stoffa non più utilizzabili perché rotti o macchiati o perché, più banalmente, non esisteva più la tovaglia. Io raramente butto la stoffa, perché potrebbe sempre servire anche solo per tirare via la polvere.

Con tre di questi tovaglioli ho realizzato questa ghirlanda!

Ecco come ho fatto.

Con del fil di ferro ho creato un cerchio che è diventato la base della mia ghirlanda.

Ho preso dalla busta tre tovaglioli (uno bianco, uno bianco con dei disegni su un angolo e uno rosso), ho tolto loro i bordi e li ho ridotti a listarelle larghe 2 cm e lunghe all'incirca 10 cm.



Ho poi cominciato ad annodarle, con doppio nodo, sul fil di ferro seguendo il ritmo tre pezzi chiari e un pezzo rosso continuando così per tutta la circonferenza dell cerchio.

Il risultato finale è questo qui: una colorata, disordinata ma soprattutto riciclosa ghirlanda natalizia!



























Commenti

  1. Grazie per aver partecipato anche quest'anno a "Tante idee per un riuso creativo". La tua ghirlanda natalizia è davvero una ottima idea di recupero che sono sicura in tante riprodurranno a loro modo! :)

    RispondiElimina
  2. Bellissima e riciclosissima! =)
    Dani

    RispondiElimina
  3. Interessante iniziativa, non la conoscevo.
    Forte la ghirlanda, ma i pezzettini di stoffa non sono rifiniti, giusto? Non mollano filetti da tutte le parti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No la stoffa non è rifinita, ma il cotone, se tagliato di netto, non sfilaccia... e poi non è che devi stare lì tutto il giorno a toccarla ;)

      Elimina
  4. Ma che bella idea Barbara! E "riciclosa" come piace a me!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Una bellissima idea riciclosa!!
    Spesso se sono bianchi restano macchiati di vino..Questo è un bel modo per farli continuare a vivere!!

    un baciotto
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li avevo messi in varechina per sbiancarli e li ho ritirati con i buchi!!! Altro che macchie di vino!!!!

      Elimina
  6. Ho fatto anch'io delle ghirlande simili, ma a forma di cuore, utilizzando scampolini di stoffa. La tua è sicuramente più riciclosa, brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela, le tue stoffe saranno state sicuramente più belle e pregiate delle mie ;)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.