Passa ai contenuti principali

Riuso creativo: ghirlanda di natale con vecchi tovaglioli


Non potevo rinunciare all'appuntamento annuale  di riuso creativo che Linee Curve porta avanti già da cinque anni! 

Questa è la settimana europea per la riduzione dei rifiuti e qui sul blog sono in pieno clima di preparazione al Natale. Perché allora non unire le due cose?


Da una recente risistemazione delle tovaglie ho trovato tantissimi tovaglioli di stoffa non più utilizzabili perché rotti o macchiati o perché, più banalmente, non esisteva più la tovaglia. Io raramente butto la stoffa, perché potrebbe sempre servire anche solo per tirare via la polvere.

Con tre di questi tovaglioli ho realizzato questa ghirlanda!

Ecco come ho fatto.

Con del fil di ferro ho creato un cerchio che è diventato la base della mia ghirlanda.

Ho preso dalla busta tre tovaglioli (uno bianco, uno bianco con dei disegni su un angolo e uno rosso), ho tolto loro i bordi e li ho ridotti a listarelle larghe 2 cm e lunghe all'incirca 10 cm.



Ho poi cominciato ad annodarle, con doppio nodo, sul fil di ferro seguendo il ritmo tre pezzi chiari e un pezzo rosso continuando così per tutta la circonferenza dell cerchio.

Il risultato finale è questo qui: una colorata, disordinata ma soprattutto riciclosa ghirlanda natalizia!



























Commenti

  1. Grazie per aver partecipato anche quest'anno a "Tante idee per un riuso creativo". La tua ghirlanda natalizia è davvero una ottima idea di recupero che sono sicura in tante riprodurranno a loro modo! :)

    RispondiElimina
  2. Bellissima e riciclosissima! =)
    Dani

    RispondiElimina
  3. Interessante iniziativa, non la conoscevo.
    Forte la ghirlanda, ma i pezzettini di stoffa non sono rifiniti, giusto? Non mollano filetti da tutte le parti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No la stoffa non è rifinita, ma il cotone, se tagliato di netto, non sfilaccia... e poi non è che devi stare lì tutto il giorno a toccarla ;)

      Elimina
  4. Ma che bella idea Barbara! E "riciclosa" come piace a me!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Una bellissima idea riciclosa!!
    Spesso se sono bianchi restano macchiati di vino..Questo è un bel modo per farli continuare a vivere!!

    un baciotto
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li avevo messi in varechina per sbiancarli e li ho ritirati con i buchi!!! Altro che macchie di vino!!!!

      Elimina
  6. Ho fatto anch'io delle ghirlande simili, ma a forma di cuore, utilizzando scampolini di stoffa. La tua è sicuramente più riciclosa, brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela, le tue stoffe saranno state sicuramente più belle e pregiate delle mie ;)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…