Passa ai contenuti principali

di Parigi di cuori e di poesia


Le poesie d'amore di Prevert mi mi piacciono moltissimo e Paris at Night è una delle mie preferite.

L'ho letta e riletta, scritta e imparata a memoria e di certo non poteva mancare nella raccolta di Ispirazioni su Parigi.

Come fare, però, a far diventare una poesia d'amore una ispirazione? 
Scrivendola, a mano su un cuore di das. Non commentate per favore la brutta grafia e il fatto che sia rimasta fuori l'ultima frase della poesia... è il pensiero quello che conta!!! E visto che il mese di gennaio sta per finire e che S. Valentino si avvicina può anche essere un'idea per un regalo... tutto può essere quando ci sono di mezzo i pensieri e le ispirazioni!!!

Se non conoscete questa poesia e non riuscite a leggere la mia grafia, nessun problema! Ecco qui il testo!

Trois allumettes une à une allumées dans la nuit
La première pour voir ton visage tout entier
La seconde pour voir tes yeux
La dernière pour voir ta bouche
Et l'obscuritè tout entière pour me rappeler tout cela
En te serrant dans mes bras.


Tre fiammiferi uno dopo l'altro accesi nella notte
Il primo per vedere intero il volto tuo
il secondo per vedere gli occhi tuoi
l'ultimo per vedere la tua bocca
e l'oscurità completa per ricordarmi queste immagini
Mentre ti stringo a me tra le mie braccia.

Jacques Prévert

Se volete potete anche seguirci sulla pagina Fb Ispirazioni&Co e su Google+ e sulla bacheca di Pinterest 



Se vi siete fatti ispirare anche voi da Parigi, avete scritto un post (anche se vecchio non importa) e volete contribuire alla nostra raccolta di Ispirazioni potete farlo seguendo queste semplici regole!



Commenti

  1. Bella ideaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Non male!!!
    Io ho una grafia da gatto, non me lo potrei permettere un lavoro così!

    RispondiElimina
  2. Grazie Federica...io sto al limite della decenza!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che ragazze creative che albergano a Ispirazioni e Co! Complimenti...e siccome un idea tira l'altra...

    RispondiElimina
  4. Ma che bella questa poesia Barbara.
    Non la conoscevo!
    Bella l'idea di scriverla su un cuore.
    Quanto alla grafia... la mia è peggio!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Lavorare con le proprie mani un cuore e poi scriverci sopra una poesia meravigliosa come questa...con la nostra grafia (che bella o brutta che sia è NOSTRA e quindi sa di noi) ...cosa offrire di meglio a chi amiamo? Una bella emozione.
    Un bacio <3 <3 <3

    RispondiElimina
  6. Ciao Barbara, non essere cosi autocritica, la tua grafia non e' poi cosi male e si, anche senza il finale di poesia, e' il pensiero che conta... magari l'ultima la si puo' scrivere nel bigliettino con il quale si presenta il cuoricino?

    Ci leggiamo su The Creative Factory su FB e grazie ancora per aver dato la tua disponibilita' per San Valentino. alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alex! Grazie a te che stai organizzando tutto quanto! Io sono sempre felicissima di partecipare alle tue iniziative!!!

      Elimina
  7. Ciao Barbara, ho appena inserito un mio post con piacere.
    Grazie per la bella opportunità. se ti va di partecipare, c'è un linky anche da me.
    Un abbraccio a presto
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, grazie per ave partecipato! Vado subito a vedere il tuo linky party!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…