Passa ai contenuti principali

Un bouquet di fiori di carta crespa


Una mia amica mi ha fatto notare che il colore dei fiori non è il massimo: giallo e viola ... insomma idea bella ma colori assolutamente non adatti a S. Valentino!

Ma io non vado così tanto per il sottile! A me questi due colori accostati piacciono, mi mettono allegria!!!
E poi me non piacciono i fiori recisi (quelli veri, intendo) e quindi apprezzo di più un finto bouquet di carta crespa anche se con i fiori di colori azzardati.

Devo dire tutta la verità? 



Avevo solo questi due colori a disposizione e la voglia di provare a creare dei fiori è stata troppo grande e l'occasione troppo ghiotta per lasciarmela sfuggire!!!

Ecco mi sono tolta il dente!!! Ora sto meglio e posso farvi vedere come ho fatto a realizzare questo bouquet!

Prima di tutto la carta crespa! A casa mia non si butta mai niente e quella che ho usato io ha questa strana forma perché è lo scarto di un altro progetto (del quale vi parlerò il seguito...non siate troppo curiosi).



Io non ho fatto altro che arrotolare e modellare la striscia di carta crespa a formare una spirale aiutandomi con le punte più lunghe della carta per aprire il fiore e formare il petalo.

Come stelo ho usato uno stecchino lungo e ho fermato tutto con del nastro adesivo trasparente.

Tutto il bouquet è tenuto insieme, come se fossero fiori veri, da carta crespa verde.

Che ve ne pare? Vi piace?


Con questo post partecipo a



Commenti

  1. A me piace proprio per l'accostamento.
    Io poi adoro il giallo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace... e infatti ho usato lo stesso accostamento anche per altre cose che per il momento sono segretissime!!!

      Elimina
    2. Ribadisco quanto già detto in passato.
      Accostamento bellissimo!

      Elimina
  2. Un bel bouquet!! Mi piacciono molto di più di quelli recisi!!

    un bacione
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  3. Sono bellissimi! E poi giallo e viola sono colori completari, e dunque affascinano l'occhio. Inoltre, per fortuna, a San Valentino manca ancora un po'! Quanto ai fiori recisi, sono d'accordo..è straziante vederli morire un po' alla volta, il contrario dell'allegria che invece mettono questi tuoi sgargianti fiori!

    RispondiElimina
  4. Una mia amica che ha fatto il liceo artistico mi ha detto che il viola e il giallo sono colori complementari perchè nella composizione del viola il giallo non è presente. QUndi l'accostamento è azzeccatissimo. Per San Valentito il rosso è il colore più usuale, ma credo che è l'ogetto che fa la romanticheria non solo il colore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto adesso il commento precedente... beh, ho confermato il commento di Cecilia.
      Errata corrige : Ogetto= oggetto ^-^

      Elimina
  5. Cecilia, Nunzia questa cosa dei colori non la sapevo!!! Grazie!!!!

    RispondiElimina
  6. A me l'accostamento piace!
    Azzardato, ma di grandissimo effetto!
    Complimenti anche per la maestria con cui hai realizzato il tutto!
    Daniela - Mani di Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stato più facile e divertente del previsto!!!

      Elimina
  7. Belli, anche l'accostamento a sorpresa sta bene!!!

    RispondiElimina
  8. Ricordano le viole del pensiero , appunto quelle viola e gialle...
    Quindi bellissimo accostamento ^_^
    Ciao.Maris

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Buon Natale

 Buon Natale a tutti!  Per concludere le pubblicazioni per questo 2021 vi lascio con una nuova decorazione per l'albero.  Quest'anno ho trovato il modo per riutilizzare centrini che, un po' rovinati, stazionavano da anni in un cassetto. I materiali occorrenti per il progetto sono veramente pochi: Pallina di plexiglass Centrino Nastro Palline rosse per decorazione Ho rivestito la pallina di plexiglass con il centrino, che ho bloccato con un nastrino. Ho poi rifinito con un fiocco blu a contrasto e le palline rosse per coprire il nodo. Io vi aspetto qui a gennaio e intanto vi auguro buone feste!