Passa ai contenuti principali

Albero di Pasqua


E' cominciato il countdown. Pasqua si sta avvicinando. L'anno scorso, di questi tempi ero sommersa di scatoloni e davvero non c'era posto per l'albero di Pasqua. Quest'anno invece è strato quasi obbligatorio pesare di realizzarlo.

Prima di tutto siamo andati in campagna a dare la caccia al "ramo perfetto" perché io le cose le voglio fare bene e non mi accontento di un ramo di pesco di plastica, voglio un ramo vero, magari non di pesco, ma pur sempre di legno!!!

Lo abbiamo trovato di ulivo. Grande e ben ramificato, proprio come serviva a noi. Beh all'aria aperta sembrava grande il giusto...una volta portato dentro casa mi sono accorta che era enorme!!! Per fortuna i rami non sporgono dal comò e ancora nessuno lo ha tirato giù né entrando né uscendo da casa (almeno per ora).

Trovato il ramo, bisognava decidere se lasciarlo al naturale o colorarlo... il mio aiutante Gnomo ha deciso di colorarlo di celeste e non c'è stato verso di fargli cambiare idea!!!


Terzo step le decorazioni: uova di polistirolo e gallinelle in feltro. Quest'anno le decorazioni sono state comprate, l'anno prossimo ci organizzeremo per tempo per farle noi!!!


Io intanto aspetto i vostri consigli e suggerimenti!





Commenti

  1. Questo albero dove crescono uova è una bellissima idea!!!
    Spero che la gallinella appollaiata lassù in cima ne faccia anche di cioccolato ;-)
    Bacioni ♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli di cioccolato di certo non mancheranno

      Elimina
  2. Questo albero dove crescono uova è una bellissima idea!!!
    Spero che la gallinella appollaiata lassù in cima ne faccia anche di cioccolato ;-)
    Bacioni ♡♡♡

    RispondiElimina
  3. Che bello, vorrei farlo anch'io! Possibile che non trovo neanche il tempo per cercare un ramo, uffa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è stato proprio un incontro fortunato capitato poco dopo la potatura. ;)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Il blu lo rende molto alternativo! Bravo Gnomo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.